Guerra di cifre per sciopero Ikea a Milano

Manifestazione contro licenziamento mamma bimbo disabile

Sciopero dei dipendenti Ikea oggi a Milano e provincia, con un presidio davanti al negozio di Corsico dove è stata licenziata la mamma di un bimbo disabile, Marica, che ha infiammato la contrapposizione. Secondo le cifre fornite da Ikea in una nota, alle 12.30 su 1.407 lavoratori delle sedi milanesi hanno aderito 47 persone. "L'adesione è stata del 70%, in presidio c'erano centinaia di lavoratori e lavoratrici - afferma il segretario generale Filcam Cgil Milano Marco Beretta -. Vanno anche considerati i vari turni, è il solito gioco dei numeri che strumentalmente Ikea dà al ribasso, come strumentalmente dichiara che Marica è un'assenteista". La nota Ikea invita poi a "smitizzare questa storia dell'algoritmo che decide tutto", i turni "vengono determinati in base alle esigenze" dei reparti cercando "di contemperare tra le esigenze personali e le esigenze organizzative". "Il punto comunque è che l'azienda non ci riceve, è chiusa e continua ad andare avanti in questo atteggiamento", afferma Beretta.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who