Catalogna, rischio secessione brucia in Borsa 20 mld

Listino Madrid sotto dell'1,88%, Barcellona ha già perso 9 'big'

Venti miliardi di euro è il conto pagato dalla Borsa di Madrid in una settimana di 'indipendenza virtuale' della Catalogna dalla Spagna, con 9 imprese che hanno deciso di lasciare la Regine di Barcellona o sono sul punto di farlo. Alla vigilia del referendum l'indice Ibex 35 era posizionato a 10.381 punti, dopo 7 giorni, tra alti e bassi, si trova in calo dell'1,88%, mentre l'intera capitalizzazione di Borsa è scesa da 1.050 a 1.030 miliardi. In rialzo anche il rendimento dei Bonos dall'1,59% del 29/9 all'1,69% di ieri, mentre lo spread sui Bund è salito da 113 a 123,9 punti. Ma il conto del referendum non si ferma qui. Sono 9 infatti le imprese che hanno annunciato il loro addio alla Catalogna, a partire da Banco Sabadell (-6,25% dal 29 settembre) e CaixaBank (-3,77%), pronte ad andare rispettivamente ad Alicante e a Valencia. Poi c'è Gas Natural (-2,29%), che ha deciso il trasloco a Madrid.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who