Nel Def taglio cuneo a fasce deboli,1 mld spending

Cosa prevede ultimo anno governo.In manovra finanza per crescita

Avanti con la spending review, con la riduzione del debito, e con il sostegno alle fasce più deboli, sia attraverso un taglio del cuneo fiscale mirato a donne e giovani sia con l'arrivo del nuovo reddito di inclusione. Sono alcuni degli obiettivi prioritari che il governo ha messo nero su bianco nel Documento di economia e Finanza, che traccia la strategia di politica economica per percorrere l'ultimo 'miglio', di qui alla fine della legislatura. Con il Def si delinea "un'economia che continua a crescere e una finanza pubblica che continua ad aggiustarsi pur in un contesto internazionale difficile", ha ribadito Padoan, sottolineando che una mano al buon andamento dell'economia arriverà anche grazie alla 'manovrina' di correzione dei conti, che dispiegherà i suoi effetti anche nei prossimi anni vista la natura 'strutturale' degli interventi (lasciando una 'dote' per il 2018 da 5,1 miliardi), e che contiene, tra l'altro anche un rafforzamento del programma 'finanza per la crescita'.

Ecco in sintesi i principali obiettivi del Def e della manovra, ancora in via di stesura definitiva:

- VIA L'IRPEF, IMPEGNO PER TAGLIO CUNEO A FASCE DEBOLI: scompare il calo dell'Irpef dal cronoprogramma delle riforme che il precedente governo puntava a realizzare entro la legislatura. Il nuovo Pnr indica ora come "cruciale il taglio del cuneo fiscale per ridurre il costo del lavoro e aumentare parallelamente il reddito disponibile dei lavoratori". Quello che viene definito un "importante sforzo di incentivo mirato" si concentrerà sul "taglio dei contributi sociali, iniziando dalle fasce più deboli (giovani e donne)". Avanti anche il nuovo reddito di inclusione, che partirà da una copertura per 400mila famiglie con minori, 1,8 milioni di persone.

- PER CALO DEBITO ANCHE RIFORMA CONCESSIONI: Privatizzazioni, dismissioni del patrimonio immobiliare ma anche riforma delle concessioni. Sono le 'voci' che il governo punta a mettere in campo tra il 2017 e il 2020 per il "rafforzamento della strategia di riduzione del debito". Tra gli interventi si prevede anche la "realizzazione di un piano triennale di valorizzazione degli asset strategici". Il target è stato però abbassato dallo 0,5% annuo del Pil allo 0,3% (circa 5 miliardi).

- PRIORITA' OK RAPIDO DDL CONCORRENZA, POI NUOVO STRUMENTO: per il governo è "imprescindibile" il via libera rapido al ddl concorrenza, in Parlamento da 2 anni, perché "aprire al mercato diversi settori" è tra le priorità. Altrettanto rapidamente andrà poi definito lo strumento più "appropriato" a cui "affidare i prossimi passi in materia di liberalizzazioni". La prossima legge sulla concorrenza dovrebbe arrivare per decreto.

- PER CATASTO SOLO AGGIORNAMENTO, SENZA AUMENTI TASSE: altro proposito quello di proseguire la "razionalizzazione delle spese fiscali" facendo attenzione, però, a non aumentare la pressione fiscale e a non intaccare l'equità del sistema". Per il catasto, abbandonata l'idea di una riforma complessiva, si proseguirà con "l'aggiornamento del patrimonio informativo catastale al fine di consentire una valutazione più equa degli immobili".

- FOCUS PROGRESSIVITA' PER REVISIONI SCONTI FISCO: la razionalizzazione potrebbe finalmente toccare anche alle cosiddette tax expenditures, i 444 sconti fiscali censiti dall'apposita commissione. Da lì si partirà per "rimodulare in maniera razionale le spese fiscali preservando gli effetti di progressività delle misure".

- NUOVA SPENDING MINISTERI, DA 2018 1 MILIARDO L'ANNO: come previsto dalla riforma del bilancio, il Def indica già ora l'obiettivo minimo di riduzione della spesa che dovranno attuare le amministrazioni centrali. Dal prossimo anno il contributo dovrà essere di 1 miliardo l'anno. Secondo la nuova procedura un dpcm che dovrebbe arrivare entro maggio indicherà la suddivisione dei tagli che però saranno mirati, visto che poi toccherà ai singoli ministeri indicare come intendono raggiungere il proprio obiettivo.

- PIU' RISORSE PER EFFICIENZA GIUSTIZIA: nei prossimi mesi l'esecutivo proseguirà l'attuazione delle misure di riforma della giustizia già avviate", dal processo penale alla prescrizione, e "verranno incrementate le risorse a disposizione dell'amministrazione giudiziaria".

- SPINTA A QUOTAZIONE PMI, SI PUNTA SU START UP: con la manovra intanto si prosegue il rafforzamento degli interventi avviati da qualche anno nella cornice 'finance for growth'. In arrivo, tra l'altro il potenziamento degli incentivi alle quotazioni con riferimento alle piccole e medie imprese (equitycrowfunding) e l'estensione temporale delle agevolazioni per le start-up innovative.


LA CONFERENZA STAMPA DA PALAZZO CHIGI AL TERMINI DEL CDM 

Varo del reddito di inclusione, come "misura universale di sostegno economico ai nuclei in condizione di povertà"; riordino delle prestazioni assistenziali; rafforzamento e coordinamento degli interventi in materia di servizi sociali, "finalizzato a garantire maggiore omogeneità territoriale nell'erogazione delle prestazioni". Sono gli interventi previsti nel piano nazionale delle riforme, parte integrante del Def, per combattere le diseguaglianze.

Padoan, stime Pil conservative per politica stringente
 - Il Pil crescerà dell'1,0% nel 2018 e altrettanto nel 2019, "con u'impennata poi nel 2020". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, al termine del Cdm sul Def, parlando di "previsioni conservative che auspicabilmente saranno riviste verso l'alto". "Avremo sorprese positive, questa è la mia convinzione", ha aggiunto, spiegando che i numeri sono quelli attuali per una "stance politica fiscale molto stringente".
"La manovra di aggiustamento dell'0,2% è un aggiustamento pienamente strutturale che realizza 3,4 miliardi di euro per il 2017 con un beneficio di aggiustamento nei prossimi, ottenuto con l'efficientamento della gestione tributaria, con misure di lotta all'evasione validate dall'Ue e con misure solo in parte di tagli di spesa".
"Il rapporto debito-Pil si stabilizza attorno al valore dell'anno scorso, i numeri saranno disponibili domani". Si tratta, ha aggiunto Padoan, di "un risultato molto importante, ottenuto anche in assenza di inflazione".
"Approfitto per dissipare ogni dubbio che era girato nelle scorse ore: il governo mantiene tutti gli impegni presi inclusi i contratti con la P.a". Parlando degli impegni del governo in vista della legge di stabilità di ottobre, Padoan dice che "quando uso l'immagine del sentiero stretto mi viene in mente un crinale dove non bisogna cadere nè da un lato nè dall'altro, non è facile ma bisogna andare avanti".
"I numeri sulle privatizzazioni sono confermati, troveremo modo e canali anche originali per gestire questo aspetto che dà molteplici benefici non solo per la riduzione del debito ma anche per un aumento dell'efficienza" delle società pubbliche. A una domanda su un possibile ruolo di Cdp il ministro si è limitato a dire che "nel Def c'è l'impegno, sugli strumenti nuovi" sono state scambiate delle idee "con obiettivo di tornarci a breve sopra con l'impegno di prendere eventualmente decisioni concrete".
Le misure in dettaglio saranno rese note "nei prossimi giorni". Il ministro dell'Economia ha citato come intervento "l'efficientamento della raccolta delle entrate tributarie, in particolare delle imposte indirette". Le misure, ha aggiunto, "sono quasi tutte ben definite, bisogna però che siano tutte ben definite perché alla fine è il pacchetto che conta". Per esempio "le misure di tagli di spesa sono ancora non ben definite".

Boschi, sblocco turnover Comuni fino 75%
 - Le misure per gli enti locali approvate in cdm puntano a "favorire gli investimenti di Province e città metropolitane" destinando 100 milioni alla viabilità e prevedendo una spinta agli investimenti nell'edilizia scolastica. Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, annunciando anche "lo sblocco del turnover fino al 75% per il personale dei Comuni". Recepito anche l'accordo Stato-Regioni.

Delrio, 5 mld per contratto di programma Anas  - Una quota rilevante delle risorse del piano di investimenti serve "ad implementare il contratto di programma Anas con 5 miliardi per il completamento delle direttrici e per la manutenzione e messa in sicurezza". Così il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio illustrando il dpcm del piano investimenti, approvato in consiglio dei ministri.

'Inseguiamo crescita più solida e sostenibile' - "Il paese si trova in una fase di transizione verso una crescita più solida, sostenibile e inclusiva, la stiamo inseguendo: è necessario rafforzare questa fase, capitalizzare la strategia di benefici delle riforme recenti che sta continuando e in cui il Governo è pienamente impegnato". Lo dice al Salone del Risparmio il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan indicando "oggi pomeriggio il Def oltre ad aggiornare il quadro economico di finanza pubblica e il programma nazionale di riforme include la trattazioni di temi su disuguaglianza e benessere".

Arrivano i 4 indicatori del benessere  - Reddito medio disponibile, indice di diseguaglianza, tasso di mancata partecipazione al lavoro e emissioni di CO2 e di altri gas clima alteranti. Sono i quattro indicatori "particolarmente significativi per la qualità della vita dei cittadini e della società nel suo complesso" che il governo inserirà nel Def per misurare il "benessere equo e sostenibile" (Bes). Con il Documento di economia e finanza 2017, sottolinea il ministero dell'Economia, l'Italia è infatti il primo paese dell'Unione europea e del G7 a includere nella propria programmazione economica - oltre al Pil - indicatori di benessere. Nel Def in via di adozione da parte del Consiglio dei Ministri sarà quindi presentata in via sperimentale l'evoluzione passata e futura dei quattro indicatori.

Il Documento di economia e finanza prevede altri 2,8 miliardi di euro da stanziare per il pubblico impiego, settore statale e non statale, per arrivare ad un aumento contrattuale medio di 85 euro con i rinnovi 2016-2018. E' quanto stabilisce una prima bozza del Def, che così considera l'accordo del 30 novembre tra Madia e sindacati per le stime 'a politiche invariate'. Si fa anche una previsione degli eventuali oneri per di un prossimo rinnovo: 2,3 miliardi per il 2019 e 4,6 per il 2020.

Cgil, senza risorse per la PA sciopero generale  - "Pronti allo sciopero generale senza le necessarie risorse per il rinnovo dei contratti pubblici. Dopo quasi otto anni di attesa e l'intesa del 30 novembre scorso sull'avvio della trattativa per il rinnovo dei contratti, se dovessero saltare gli stanziamenti sarebbe il segnale che il governo torna a non avere rispetto per i lavoratori pubblici". È quanto si legge in una nota della Fp e Flc Cgil, che avrebbero acquisito indiscrezioni circa la mancanza di risorse nel Def ora al vaglio del Consiglio dei ministri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who