Alitalia: Delrio, non paghino lavoratori

Sacrifici solo se piani seri. Bisogna fare scelte giuste

"Siamo in presenza di una profonda crisi dell'ex compagnia di bandiera" ma "non dobbiamo far pagare ai lavoratori gli errori dei manager. Per noi (governo ndr) non si parte da lì". Lo ha affermato ad un convegno sui trasporti il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Graziano Delrio il quale ha sottolineato che "i sacrifici si possono fare se ci sono piani industriali seri, allora tu puoi chiedere anche un sacrificio ai lavoratori, se sai che c'è un orizzonte e non se fai pagare a loro le scelte strategiche sbagliate che hai fatto. Perché questo è il punto".
    Il ministro ha spiegato che il traffico aereo è in aumento in tutti gli aeroporti in Italia e quindi "c'è un problema di essere all'altezza delle sfide competitive ed essere capace di fare le scelte giuste e strategiche dal punto di vista aziendale".

PIANO ENTRO FINE MESE Il consiglio di amministrazione di Alitalia  "ha convenuto che il piano rivisto sarà presentato alla fine del mese". Lo si legge nel comunicato diffuso dalla compagnia al termine del cda. "Il cda, riunitosi oggi, è stato aggiornato sul lavoro dell'advisor Roland Berger che sta redigendo una valutazione indipendente sul piano di rilancio della compagnia", precisa la nota.

L'a.d. Cramer Ball sulla situazione finanziaria di Alitalia ha spiegato che la compagnia "è in linea con l'obiettivo di arrivare a una riduzione dei costi di almeno 160 milioni di euro nel 2017, così come annunciato nella riunione del consiglio di amministrazione di gennaio"
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who