Effetto Le Pen sui mercati: spread vola a 200, tonfo Milano

E' prima volta da febbraio 2014

I timori di un'uscita della Francia dall'euro e dalla Ue nel caso di vittoria alle presidenziali di Marine Le Pen hanno spinto al rialzo lo spread e affossato i mercati europei. Il differenziale di rendimento tra il Btp e il Bund vola a 200 punti base, toccando questa soglia per la prima volta da febbraio 2014. Negli ultimi scambi lo spread segna 199 punti base dai 184 di venerdì. Il rendimento del decennale italiano è volato al 2,36% dal 2,25%, in un contesto di crescente nervosismo per il voto alle porte in molte capitali europee.

 

Tonfo Piazza Affari (-2,2%), pesa Unicredit (-6,8%) - Giornata in flessione per la Borsa milanese, che ha chiuso in perdita del 2,2%, maglia nera in Europa. Negative anche le altre Piazze del Vecchio continente, spaventate dall'ipotesi 'Frexit' e non rassicurate dal discorso del governatore della Bce Mario Draghi. A Piazza Affari a far male sono state, di nuovo, soprattutto le banche. Tra le peggiori Unicredit, nel giorno dell'avvio dell'aumento di capitale da 13 miliardi: il titolo ha chiuso in calo del 6,86% a 12,21 euro (-18,85 a 10,59 euro i diritti). L'inizio di settimana è stato difficile un po' per tutti gli altri istituti di credito, in particolare Bper (-5,7%), Banco Bpm (-5,8%), Mediobanca (-4,1%), Fineco (-4,4%), Ubi (-5,5%) e Intesa (-2,4%). Tra gli altri finanziari, male Unipol (-4,9%), Unipol Sai (-3,8%) e Generali (-2,3%). Fanno bene solo Telecom (+1,4%), spinta dall'apprezzamento degli analisti per i conti e il piano, e Cnh (+3,1%). 

Wall Street procede in territorio negativo. Il Dow Jones perde lo 0,17% a 20.037,18 punti, il Nasdaq cede lo 0,24% a 5.653,23 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno lo 0,34% a 2.289,69 punti.

Draghi all'Europarlamento: "Timori da protezionismo, euro irrevocabile"

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie