Opec, missione Algeria-Venezuela a Mosca

Obiettivo convincere Russia a ridurre produzione

Missione diplomatica targata Opec a Mosca per provare a convincere la riluttante Russia a tagliare la propria produzione di greggio. I Ministri dell'Energia di Algeria e Venezuela, Noureddine Boutarfa (uno degli artefici dell'accordo sul taglio di settembre) e Eulogio Del Pino, voleranno a Mosca domani.

Il vertice Opec è fissato per mercoledì 30 novembre a Vienna, per definire i termini del primo taglio dell'output in 8 anni. I primi tre produttori del cartello, Arabia Saudita, Iraq e Iran rimangono infatti ancora divisi su come distribuire la riduzione del prodotto. Mentre la Russia finora ha resistito alle richieste dell'Opec di partecipare al taglio.

Un nuovo freno al taglio arriva dalla Libia: la sua situazione economica impedisce di prendere parte ai tagli della produzione che potrebbero venire decisi in sede Opec "almeno nel prossimo futuro". Lo ha dichiarato, secondo quanto riporta Bloomberg, il presidente della National Oil Company libica, Mustafa Sanalla. La Libia ha più che raddoppiato la sua produzione di greggio a circa 600.000 barili al giorno da quando diversi porti per la spedizione del petrolio sono stati sbloccati a settembre. Ma l'output rimane decisamente sotto gli 1,6 milioni di barili giornalieri che la Libia produceva prima delle rivolte del 2011.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie