Arriva il 730 precompilato, ecco tutto quello che c'è da sapere

L'Agenzia delle Entrate mette a disposizione la dichiarazione dei redditi, che si è arricchita di quasi 700 milioni di dati in più

Da oggi  l'Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati, il modello 730 precompilato

La precompilata "2.0" è sulla rampa di lancio: dalla tarda mattinata, - ricorda l'Agenzia delle Entrate - 30 milioni di contribuenti possono accedere e visualizzare la propria dichiarazione dei redditi con tutti i dati già inseriti dal fisco. (730 precompilato: I PASSI DA SEGUIRE)

Dal prossimo 2 maggio sarà invece possibile inviarla, integrarla o modificarla. Quest'anno i cittadini troveranno già incluse anche le spese sanitarie: 520 milioni di nuovi dati per un controvalore di 14,5 miliardi di euro, cui si aggiungono altri oneri come le spese universitarie, il bonus ristrutturazioni ed energia, i contributi per la previdenza complementare, per un ulteriore controvalore di 37,4 miliardi di euro. In totale, si tratta di 700 milioni di informazioni aggiuntive confluite nei server dell'Agenzia e di Sogei. Si tratta delle voci di spesa più frequentemente riportate in dichiarazione che ampliano potenzialmente la platea di contribuenti che quest'anno potranno accettare direttamente il modello come predisposto dal Fisco, tenendosi così anche al riparo da eventuali controlli.

=====>>>> ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730 <<<<=====

La precompilata 2016 - spiega l'Agenzia delle Entrate - non si rivolge solo ai circa 20 milioni di contribuenti titolari di redditi di lavoro dipendente, assimilati, o di pensione, ma anche a circa 10 milioni di soggetti che utilizzano il modello Unico persone fisiche. Saranno i cittadini stessi a optare per l'uno o l'altro modello grazie un semplice menù che li indirizzerà verso quello più adatto in base alle loro caratteristiche.

Potenziati, in vista della nuova stagione dichiarativa, anche i canali di assistenza dell'Agenzia, mentre sono al via una serie di iniziative per aiutare i contribuenti a prepararsi all'appuntamento del 2 maggio, quando sarà possibile inviare il modello, con o senza modifiche. Per completare tutte le operazioni c'è tempo fino al 7 luglio per chi usa il 730 o al 30 settembre per chi utilizza Unico.

=====>>>> GUARDA IL VIDEO <<<<=====

Entrano in dichiarazione 700 milioni di dati in più. Così l'Agenzia ritiene che: in prospettiva si allarga la fetta di cittadini che quest'anno potrebbe decidere di accettare direttamente la dichiarazione predisposta dal Fisco, con notevoli benefici sia in termini di semplificazioni sia di controlli. In caso di dichiarazione 730 accettata senza modifiche, infatti, è l'Agenzia delle Entrate a certificare la correttezza dei dati riportati. Beneficio che si estende anche a coloro che inviano il modello tramite Caf e professionisti. Come fare? Un apposito collegamento disponibile sul sito dell'Agenzia, www.agenziaentrate.gov.it, conduce direttamente all'area di autenticazione. Per entrare nel modello è possibile scegliere tra diverse chiavi di accesso: il codice Pin per i servizi telematici dell'Agenzia, che può essere richiesto sullo stesso sito, presso gli uffici territoriali o utilizzando l'app "AgenziaEntrate"; in alternativa, possono essere utilizzati anche la Carta Nazionale dei Servizi, il Pin dispositivo rilasciato dall'Inps e Spid, il nuovo Sistema Pubblico di Identità Digitale, che consente di utilizzare le stesse credenziali per tutti i servizi online delle pubbliche amministrazioni e delle imprese aderenti. In alternativa, per il modello 730 il contribuente può sempre scegliere di delegare un intermediario (Caf, professionisti abilitati e sostituti d'imposta). Contemporaneamente, partono le iniziative di comunicazione dell'Agenzia per informare i cittadini su come visualizzare, eventualmente modificare e inviare la dichiarazione. E' anche online sul canale Youtube dell'Agenzia un video tutorial tradotto anche nel linguaggio dei segni a cura dell'Ente nazionale sordi (Ens).

Caf, tariffe 730 da 36,50 euro Sud a 64,50 Nord-Ovest - Parte la campagna 730/2016 dei Caf con tariffe medie per la dichiarazione dei redditi che spaziano da 36,50 euro nel Mezzogiorno a 64,50 euro nel Nord Ovest. I coordinatori della consulta nazionale dei Caf, Massimo Bagnoli e Mauro Soldini, assicurano aumenti per i contribuenti "solo di qualche euro" nonostante i tagli dei compensi ministeriali introdotti dalla legge di stabilità. La consulta mette in guardia da "consulenti abusivi e faccendieri che operano attraverso il Pin personale del contribuente "scaricando su di lui la responsabilità e gli eventuali danni erariali", di cui invece è chiamato a farsi carico il Caf. E si aspetta "un'altra stagione impegnativa" perché "la semplificazione della dichiarazione precompilata è stata una semplificazione dei canali e non degli adempimenti. E il cittadino si rivolge ai Caf per consulenza e assistenza nella giungla di detrazioni e deduzioni fiscali", afferma Soldini.
Lo scorso anno il 93% dei 730 sono stati inviati tramite intermediario (oltre 17,6 milioni di modelli). "E le dichiarazioni nel 2016 saranno molto più ricche di dati e informazioni a partire dalle spese sanitarie, che vanno controllate una a una", aggiunge Bagnoli che invita a rendere "strutturale la proroga per la presentazione al 23 luglio per assicurare ai contribuenti un supporto adeguato".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who