Europa debole con materie prime, Milano -0,46%

Listini guardano agli Usa e alle mosse Fed su tassi

Le Borse europee si mostrano deboli a metà giornata con l'indice d'area Stoxx 600 che viaggia sulla parità. Le vendite si concentrano sulle materie prime con il petrolio che oscilla a quota 39 dollari. Londra segna un -0,07%, Parigi un +0,47% mentre Francoforte registra un +0,01%. Il mercato guarda alla Fed e alle mosse sui tassi dopo che la scorsa settimana il Pil Usa ha dato il segnale di una economia più forte delle previsioni. Già oggi c'è attesa per il discorso che il presidente, Janet Yellen terrà all'Economic Club di New York. Tra le altre Piazze, Milano oscilla sulla parità ma poi torna in calo (-0,46% a 18.082 punti). Restano pesanti Mps (-4,42%), Saipem (-5,02%), Poste (-3,34%).

Cambi: euro in lieve calo a 1,118 sul dollaro - Euro in lieve calo sul dollaro che comunque frena la corsa della scorsa settimana. La moneta unica cede lo 0,1% a 1,118 in attesa del discorso della presidente della Federal Reserve Yellen di oggi. Stabile lo yen a 113,6.

Tokyo, apertura in ribasso (-0,80%) - La Borsa di Tokyo apre in ribasso dello 0,80%, con l'indice Nikkei che cede 136 punti, a quota 16.997,61, in scia ai segnali poco incoraggianti dall'economia americana, con consumi in affanno e in attesa del discorso del presidente della Federal Reserve Janet Yellen, che potrebbe dare maggiori indicazioni su un rialzo dei tassi. A questo riguardo si arresta l'indebolimento dello yen, con scambi intorno a quota 113,34 sul dollaro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who