• Quasi 2 milioni di lavoratori in nero, mancato gettito per 25 miliardi

Quasi 2 milioni di lavoratori in nero, mancato gettito per 25 miliardi

La stima dei consulenti del lavoro: mancato introito tra mancati versamenti di contributi e imposte

Quasi due milioni i lavoratori in nero in Italia nel 2015. Secondo una stima dei consulenti del lavoro,  erano circa 1,9 milioni per oltre 25 miliardi di mancato gettito tra contributi Inps e Inail e imposta sul reddito.

I consulenti  hanno elaborato i dati del ministero del Lavoro sull'attività ispettiva nell'anno dai quali è emerso che, su 206.080 aziende controllate nel 2015, sono state scoperte irregolarità in circa i due terzi (136.028) con 64.775 lavoratori completamente in nero. "Ogni 3 aziende controllate - spiegano i Consulenti - è stato scoperto un lavoratore sconosciuto alle Autorità. Le imprese in Italia sono sei milioni". 

Gli ispettori del lavoro nel 2015 - secondo i dati del ministero pubblicati nei giorni scorsi - hanno controllato 206.080 aziende e rilevato irregolarità in circa i due terzi (136.028). I lavoratori irregolari scoperti sono stati 182.523 mentre i lavoratori totalmente in nero sono stati 64.775. Il recupero di contributi e premi evasi ha superato quota 1,28 miliardi. ''Ogni 3 aziende controllate dagli ispettori del Ministero del Lavoro, Inps e Inail - spiegano i Consulenti - è stato riscontrato un lavoratore completamente in nero (ogni 3,18 aziende), un dato in lieve miglioramento sul 2014 (2,8). Nel 2015 in Italia - stimano - sono stati 1,9 milioni i lavoratori sconosciuti alle autorità pubbliche, in diminuzione, rispetto al 2014, di circa 200.000 unità anche grazie al Jobs Act e all'esonero contributivo triennale''. Questo lavoro nero - proseguono i consulenti - ''ha prodotto una economia sommersa (retribuzioni che producono ricchezza ma che sfuggono completamente allo Stato) di 40,6 miliardi di euro e una evasione complessiva di 25,12 miliardi''. In Italia nel 2015 - spiegano i Consulenti del lavoro - ''erano registrate alle Camere di commercio poco più di sei milioni di imprese (oltre a un milione di entità economiche non iscritte alle camere di commercio). Tenuto conto dei dati forniti dal Ministero del Lavoro, Inps e Inail nonché da Unioncamere, la stima nazionale 2015 del lavoro completamente sommerso è di 1,86 milioni di persone''. Il mancato gettito previdenziale ammonterebbe a 14,2 miliardi mentre il mancato introito nelle casse dello Stato per Irpef sarebbe di circa 9 miliardi. Il mancato gettito delle addizionali sarebbe di 0,77 miliardi mentre il mancato gettito Inail sarebbe di 1,09 miliardi. Nel complesso mancherebbero all'appello per lavoro completamente in nero oltre 25 miliardi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who