Banca Marche,su Npl decisione con Ue

Commissione, non eccessivo anzi sopra valore mercato

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - La forte svalutazione dei crediti deteriorati di Banca Marche operata dalla Banca d'Italia in occasione della risoluzione dell'istituto lo scorso novembre è stata eseguita seguendo le indicazioni della Commissione Ue sia normative che a seguito di contatti e da questa poi approvata nei documenti ufficiali e alla stampa. Anzi la Commissione avvisa che il valore di 916 milioni dei prestiti girato dalla banca ponte 'Nuova banca' al veicolo in cambio di un credito di pari importo garantito dal fondo di risoluzione è sopra il valore di mercato di circa 200 milioni e ricade sotto la normativa aiuti di stato. Nella memoria difensiva della Banca d'Italia al Tar sul ricorso CariJesi che, fra l'altro, giudicava eccessiva la svalutazione al 17,6% delle sofferenze, Via Nazionale spiega come sia stato usato "il valore ricavabile da una cessione a prezzi di mercato" seguendo le norme varate dalla Ue nel 2009 e le indicazioni della stessa Commissione definite un "porto sicuro". Valore poi confermato a novembre.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who