Bcc: Federcasse, rivedere way out, a rischio cooperazione

Salvaguardare indivisibilità riserve o vulnus per tutto sistema

Rivedere il meccanismo di 'way out' previsto con la riforma delle Bcc per evitare che si crei "un vulnus non solo per il mondo cooperativo bancario ma per tutte le forme di cooperative mutualità prevalente". Lo ha detto il presidente di Federcasse Alessandro Azzi in audizione alla Camera sul decreto banche, sottolineando la necessità di "salvaguardare il principio di indivisibilità delle riserve" che non sono "appannaggio dell'attuale generazione dei soci".

Alleanza coop,toccare riserve scippo generazionale - Con la riforma delle Bcc "è in gioco il valore e l'essenza delle cooperative, non solo banche, ma tutte le attività che per loro natura hanno un modello societario diverso, che non ha tra i suoi fini la remunerazione capitale". Lo ha detto il presidente di Confcooperative Maurizio Gardini a nome di Alleanza cooperative in audizione alla Camera. "Toccare le riserve indivisibili" ha aggiunto, sarebbe "uno scippo generazionale". "Su questo non ci può essere un elemento di mediazione perché significa rinunciare a quello che siamo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who