Ryanair:"via a tasse e pronti a restare"

John Alborante, "se Governo rivedesse incrementi aeroportuali"

(ANSA) - SASSARI, 6 FEB - "Se il Governo rivedesse le sue decisioni siamo pronti anche noi a rivedere la nostra posizione", così John Alborante, responsabile comunicazione e marketing di Ryanair, ha annunciato che la compagnia è pronta a tornare sui suoi passi qualora il Governo decidesse di eliminare l'aumento delle tasse aeroportuali che hanno portato alla rinuncia dal 31 ottobre alle basi operative di Alghero e Pescara e di eliminare i collegamenti con Crotone. Concetti ribaditi anche in una lettera alla Sogeaal, società di gestione dello scalo algherese.
    La posizione della compagnia, riportata sui quotidiani sardi, è precisata in una intervista di Alborante alla Nuova Sardegna, il quale ha ribadito che "l'aumento delle tasse è stato il motivo scatenante, per le compagnie tradizionali, i cui biglietti costano anche centinaia di euro, è normale far ricadere gli aumenti di tasse sul consumatore, mentre per una compagnia che vende biglietti anche a 4,99 euro l'incremento può rappresentare un aumento del 50%".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who