Prezzi: entra in paniere tatuaggio, esce vagone letto

Istat, incluse anche auto usate, legging bebè e lampadine led

Cambia il paniere dell'Istat per l'inflazione. A rappresentare le nuove abitudini di consumo delle famiglie nel 2016 entrano il tatuaggio, le bevande vegetali, il pantalone corto da uomo, i leggings bambina, la lampadina led, i panni cattura-polvere, i servizi integrati Tv, Internet e voce e gli alloggi universitari. La rilevazione si arricchisce inoltre dei prezzi delle auto usate e del trapano elettrico. Escono, invece, dal paniere cuccette e vagoni letto.

Codacons, incomprensibile cambio pesi paniere Istat - Il Codacons giudica "incomprensibile" la variazione dei pesi che l'Istat attribuisce alle varie voci del paniere per il calcolo dell'inflazione, con l'aumento del peso dei servizi ricettivi e di ristorazione e il calo della divisione trasporti. "Va bene inserire nel paniere i tatuaggi, le lampadine al led e i servizi integrati di telecomunicazione, perché negli ultimi anni tali prodotti sono entrati prepotentemente nella vita degli italiani", spiega il presidente Carlo Rienzi. "Il vero problema dell'inflazione - aggiunge - tuttavia, è rappresentato dai pesi che l'Istat attribuisce alle singole voci". Rienzi osserva che "negli ultimi anni le famiglie hanno tagliato fortemente proprio viaggi e cene al ristorante", mentre la voce trasporti "incide pesantemente sulle uscite mensili dei cittadini".

Consumatori, molte perplessità sul nuovo paniere  - Le novità del paniere Istat per il calcolo dell'inflazione, secondo Federconsumatori e Adusbef, sono "piccoli adeguamenti che non cambiano la sostanza". "Permangono, infatti, molte perplessità relative all'aggiornamento del paniere Istat", dichiarano i presidenti, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, convinti che "per una maggiore attinenza alla realtà è fondamentale affrontare seriamente un riequilibrio dei pesi dei beni del paniere: rendendo più realistici i pesi assegnati ad alcune voci, come ad esempio quella importantissima relativa all'rc auto". Inoltre le associazioni ritengono sbagliata l'immissione avvenuta negli anni scorsi di prodotti tecnologici molto costosi, dalla diffusione ancora limitata, la cui inevitabile caduta di prezzo condiziona al ribasso il tasso di inflazione in termini generali. Questi beni propongono che siano inseriti nel paniere solo dopo aver raggiunto una soglia minima di diffusione, pari ad almeno il 20% della popolazione.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who