Il fondo Elliot dice no all'Opa su Ansaldo Sts

Per hedge fund offerta sottovaluta la società

Elliott non intende aderire all'Opa su Ansaldo STS. Il fondo, in una nota, spiega che l'offerta di 9,50 euro per azione lanciata da Hitachi Rail Italy Investment per Ansaldo STS sottovaluti considerevolmente la società e pertanto non intende portare le sue quote in adesione. L'hedge fund fondato da Paul Singer è accreditato detenere una posizione 'lunga' su circa il 10% del capitale di Ansaldo Sts.

Elliott ritiene che la combinazione di esposizione geografica, portafoglio prodotti e competenze complementari di Sts ed Hitachi Rail darà vita ad un player integrato leader nel mercato mondiale del trasporto ferroviario, in grado di competere per contratti più importanti, aumentare l'efficienza operativa e far leva su opportunità di 'cross selling', arrivando a conquistare quote di mercato più elevate in tutte le aree geografiche. Per cui "è' nostra opinione - scrivono - che questi benefici creeranno ulteriore valore per gli azionisti e che il prezzo attuale offerto da Hitachi non rifletta tale valore". E quindi il fondo non intende "portare le nostre azioni in adesione". Ma auspica che "gli altri azionisti di Sts conservino il proprio investimento nella società e che quest'ultima rimanga quotata affinché tutti i soci possano ottenere benefici dalla futura creazione di valore".


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who