Eni: Camusso,avanti mobilitazione a Gela

'Piano azienda per cessione chimica è un danno per il Paese'

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - "Il piano di Eni di cessione della chimica rappresenta un danno per il Paese oltre che una straordinaria preoccupazione per i lavoratori e per gli impianti. Il disimpegno di una delle partecipate pubbliche avrebbe anche un effetto di disimpegno per le aziende che convivono negli stessi poli. Per questo continua la nostra mobilitazione. Grande latitante è il governo". Lo ha detto a Palermo il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, ai cronisti parlando della vertenza degli operai del petrolchimico di Gela.
    A chi ha sottolineato che a dicembre del 2014, il piano di riconversione in green raffinery del Petrolchimico ha avuto anche l'ok dei sindacati, Camusso ha risposto: "Guardiamo al futuro. A noi non è estraneo il tema delle trasformazioni in aziende green. Quello che sconcerta e che tutti dicano che stanno facendo quel che devono, ma il risultato è che gli investimenti non stanno andando avanti e gli impegni non si stanno verificando".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who