Fmi: conferma pil Italia, +1,3% in 2016

Il Fondo Monetario Internazionale taglia le stime di crescita globali: i rischi restano al ribasso

 Il Fondo Monetario Internazionale conferma le stime di crescita per l'Italia al +1,3% nel 2016 e al +1,2% nel 2017. Lo afferma il Fondo nell'aggiornamento del World Economic Outlook, nel quale ha rivisto al ribasso rispetto a ottobre le stime di crescita globali. Il pil dell'Italia e' cresciuto dello 0,8% nel 2015.

Il Fmi taglia le stime di crescita globali. E avverte: i rischi restano al ribasso. Il Fondo prevede un pil mondiale in crescita del 3,4% nel 2016, 0,2 punti percentuali in meno rispetto a ottobre. La crescita accelera al 3,6% nel 2017, 0,2 punti percentuali in meno rispetto al World Economic Outlook di ottobre. A pesare il rallentamento della Cina, i prezzi piu' bassi delle commodity e l'uscita dalle misure monetarie non convenzionali negli Usa.

Il Fmi rivede al rialzo la crescita dell'area euro nel 2016 al +1,7%, +0,1 punti percentuali rispetto alle stime di ottobre. Confermata al +1,7% la previsione per il 2017. Il Fondo taglia le previsioni per gli Stati Uniti, che cresceranno del 2,6% nel 2016, -0,2 punti percentuali e del 2,6% nel 2017, -0,2% punti percentuali.

La Cina crescerà del 6,3% nel 2016 e del 6,0% nel 2017. Il Fmi conferma la stime per il Dragone, che nel 2015 e' cresciuto del 6,9%. Confermate anche le stime per l'India, al +7,5% nel 2016 e nel 2017. L'economia della Russia si contrarra' quest'anno piu' del previsto, con il pil in calo dell'1,0%, per tornare a crescere nel 2017. Le economie emergenti e in via di sviluppo rallentano per il quinto anno consecutivo, con la crescita al +4% nel 2015, il livello piu' basso dal 2008-2009.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who