Autostrade, in Brasile Astm e Sias (Gavio) acquistano Ecorodovias

Al termine operazione possederanno 41% del gruppo

Astm e Sias (gruppo Gavio) insieme a Cr Almeida hanno acquisto il controllo del gruppo autostradale brasiliano Ecorodovias. L'operazione avviene attraverso un aumento di capitale da circa 530 milioni del terzo operatore del settore del Paese sudamericano, con Astm e Sias che al termine del percorso deterranno il 41% di Ecorodovias.

Ecorodovias - che negli anni scorsi era controllata da Impregilo della quale il gruppo Gavio era principale azionista per essere poi ceduta nei mesi di passaggio del controllo di Impregilo a Salini - è quotata alla Borsa di San Paolo e gestisce in Brasile circa 1.860 chilometri di rete autostradale e detiene partecipazioni di controllo in società operanti nei settori della logistica e dei porti, il 55% di azioni del capitale di Concesionaria Monotrilho Linha 18 - Bronze (società attiva nel settore della mobilità urbana), con un indebitamento finanziario pari a circa 612 milioni di euro. Nel dettaglio l'operazione prevede che Astm e Sias, tramite un veicolo di diritto italiano, sottoscrivano un aumento di capitale riservato, della Newco, per un importo di circa 529 milioni, dei quali circa 443 milioni da destinare prevalentemente a riduzione dell'indebitamento finanziario. Dopo l'aumento di capitale Astm e Sias verranno a detenere, indirettamente, una quota del 64,1% del capitale sociale della Newco (a cui corrisponde, in trasparenza, circa il 41% del capitale sociale di Ecorodovias) mentre il rimanente 35,9% resterà a CR Almeida. Il capitale sociale della Newco risulterà suddiviso in azioni ordinarie (71,8% del capitale sociale) ed in azioni privilegiate, prive di diritto di voto (28,2% del capitale sociale). Le azioni ordinarie saranno detenute per il 50% da CR Almeida e per il 50% da Astm e Sias, mentre le azioni privilegiate saranno interamente possedute da Astm e Sias.

L'operazione di acquisizione del controllo della brasiliana Ecorodovias, probabilmente la maggiore acquisizione di un gruppo italiano all'estero di quest'anno, "rappresenta un importante passo del processo di sviluppo e di diversificazione geografica promosso da Astm e Sias e consente alle due società di proiettarsi in una dimensione internazionale e di implementare la strategia del gruppo nello sviluppo congiunto nei settori delle costruzioni e delle concessioni". Lo affermano le due società controllate dal gruppo Gavio , che con tale acquisizione potranno "gestire un network di circa 3.260 chilometri di rete autostradale in concessione tra Italia (circa 1.400 chilometri) e Brasile (circa 1.860 chilometri) in aree ricche e a forte vocazione industriale quali l'area del nord-ovest in Italia e una vasta area del Brasile caratterizzata da elevata densità abitativa e industriale, con la presenza, inoltre, del Porto di Santos, il principale porto commerciale del Sud America". "L'operazione costituisce per il gruppo - aggiungono Astm e Sias - una solida base per concorrere al piano di sviluppo infrastrutturale promosso dal governo brasiliano nel settore autostradale e stimato circa 65 miliardi di reais (oltre 15 miliardi di euro). L'accordo sottoscritto rappresenta, infine, la piattaforma per concorrere congiuntamente all'acquisizione di nuovi progetti nel settore delle costruzioni e delle concessioni in tutta l'America Latina, mettendo a fattor comune l'expertise storica del gruppo Gavio e del gruppo CR Almeida nello sviluppo di progetti infrastrutturali".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who