Draghi, smaltire prestiti deteriorati

Presidente della Banca centrale europea: 'Sforzi Bce non sufficienti senza riforme Paesi'

"Creare le condizioni per un rapido smaltimento dei prestiti deteriorati deve essere parte delle misure di politica economica volte a ripristinare condizioni favorevoli all' accumulazione". Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, senza fare cenno alla ristrutturazione delle 4 banche italiane.

La politica monetaria della Bce, da sola, non è sufficiente ad assicurare il rilancio dell'Eurozona, ha detto Draghi, esortando i governi nazionali alle riforme strutturali.

"Non c'è dubbio che, se dovessimo intensificare l'utilizzo dei nostri strumenti per raggiungere il nostro obiettivo di stabilità dei prezzi, lo faremo", ha ribadito il presidente della Banca centrale europeaa a un convegno per i 40 anni di Prometeia.

Gli obiettivi di crescita e occupazione non saranno raggiunti "se le imprese non investono in ricerca e sviluppo, nello sfruttamento delle nuove tecnologie, nello sviluppo degli skills, nei segmenti alti delle catene del valore".

"La recente riforma della normativa che disciplina lo stato di insolvenza in Italia è da valutarsi positivamente".

 

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who