Eurostat: Italia record in Ue per calo consumi

Primato insieme a Cipro. Si è passati dal 103% nel 2012 al 98% nello scorso anno. Ultimi nello shopping online

Nel 2014 l'Italia, insieme a Cipro, ha registrato il maggior calo dei consumi procapite, misurati in Standard di potere d'acquisto (Spp), tra i Paesi Ue. Lo ha reso noto Eurostat segnalando che si è passati dal 103% del 2012 al 98% dello scorso anno. Nello stesso periodo il Pil procapite è sceso dal 101 al 96.

  • Paese                  consumi      Pil                2012-Pil 2014
  • Lussemburgo                        141 (141)    259     266
    Germania                              123 (121)    122    124
    Austria                                  122 (121)    131    130
    Danimarca                             115 (115)    126    125
    Gran Bretagna                       115 (115)    107    109
    Belgio                                    114 (112)    121    119
    Finlandia                                114 (115)    116    110
    Olanda                                   113 (116)    133    131
    Francia                                  112 (111)     107   107
    Svezia                                   111 (115)     127   123
    Italia                                       98 (103)     101     96
    Irlanda                                    96 (97)       132   134
    Cipro                                       90 (95)         91     82
    Spagna                                   88 (88)          92    91
    Grecia                                     83 (84)          74   73
    Portogallo                                83 (82)          77   78
    Lituania                                  81 (74)          70   75
    Malta                                      79 (80)          84   84
    Slovacchia                               77 (73)         75   77
    Rep. Ceca                               76 (72)          82   85
    Slovenia                                 75 (78)          81   83
    Polonia                                   74 (73)          67    68
    Estonia                                   68 (65)         74    76
    Lettonia                                  65 (61)         60    64
    Ungheria                                63 (62)         65    68
    Croazia                                  60 (59)          60    59
    Romania                                57 (56)         54   55
    Bulgaria                                 51 (50)         46    47

L'Italia è anche agli ultimi posti in Europa per lo shopping online: solo poco più di un quarto degli italiani (26%) fa acquisti su internet, contro una media Ue di più del doppio, con oltre una persona su due (53%). E' quanto emerge dai dati Eurostat, secondo cui l'Italia è quart'ultima tra i 28: peggio solo Romania (11%), Bulgaria (18%) e Cipro (23%). Primi per l'e-commerce sono invece Gran Bretagna (81%), Danimarca (79%), Lussemburgo (78%), Germania (73%), Olanda, Finlandia e Svezia (tutti 71%). A livello Ue, il trend è più che positivo, al punto da aver permesso non solo di raggiungere ma già di superare l'obiettivo prefissato dall'Agenda digitale del 50% di 'e-buyers': erano il 30% nel 2007, sono il 53% nel 2015. Sono però le giovani generazioni ad acquistare di più online: contro il 25% di chi ha tra i 65 e i 74 anni, è ben il 66% dei 16-24enni e il 70% dei 25-34enni a fare shopping su internet. In Italia se la percentuale degli over 65 è la stessa che a livello Ue, sono però molti meno i giovani, rispettivamente con il 39% e il 47%. Gli acquisti più popolari in Europa quest'anno sono stati abbigliamento e articoli sportivi (60%), seguiti da viaggi e alberghi (52%), articoli per la casa e giocattoli (41%) e biglietti per eventi (37%) e libri e giornali (33%). In Italia invece sono stati i viaggi (42%) seguiti da abbigliamento e articoli sportivi (37%), articoli per la casa, giocattoli e libri (entrambi 26%), e infine i biglietti per gli eventi (19%).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who