Federica Angeli, il Gioco di Lollo

Dalla giornalista minacciata, la scorta spiegata ai suoi figli

FEDERICA ANGELI - IL GIOCO DI LOLLO (BALDINI+CASTOLDI - Pag: 288 - € 18). "Bambini, tutti in sala che la mamma e papà devono darvi una notizia fantasmagorica". "Fantasmagorica: fu scandito…".  "Allora, siete pronti?".
    Federica Angeli, giornalista di Repubblica che vive sotto scorta per le minacce mafiose ricevute mentre svolgeva un'inchiesta sulla criminalità organizzata ad Ostia - se in A mano disarmata, ha descritto i suoi millesettecento giorni sotto scorta - torna in libreria con 'Il gioco di Lollo' (a BaldiniCastoldi), per spiegare anche come gradualmente ha fatto comprendere ai propri figli la necessità della sua scorta, così da non traumatizzarli con una dura realtà o addirittura togliergli quella spensieratezza di cui dovrebbe godere ogni bambino. Ecco allora che le scorte diventano autisti per portare in giro la mamma quando serve, le minacce delle dure prove da superare in cui si può vincere qualcosa di favoloso. Ma non solo: Federica Angeli nel libro mostra la Mafia da un punto di vista diverso, aggiungendo questa volta anche un lato formativo ma facilmente comprensibile anche ai più giovani della questione. "mamma che andiamo a fare al mare?" "A Guardare la Mafia" "La Mafia? Cos'è, una balena una specie di pesce?". "No è un'organizzazione criminale, molto brutta e pericolosa. Un Mostro orrendo". La giornalista non si accontenta più di raccontare i numerosissimi illeciti legati alla malavita del Litorale Romano e le sue realtà satellite, ma vuole esporre un metodo pedagogico per rendere gradualmente cosciente la nostra nuova gioventù verso il drammatico problema della malavita sulle nostre strade. La sua testimonianza puntuale, incalzante, senza respiro non dimentica mai la sua dimensione di donna, di madre e di moglie contesa alla serenità famigliare. Una serenità che, ispirata dalla Vita è bella di Benigni, Federica Angeli riesce magicamente a preservare, coinvolgendo i figli in un gioco alla guerra. Per farlo allora si affida a un linguaggio semplice e cede la voce narrante al figlio più grande Lorenzo, per tutti Lollo, che racconta la mafia vista dagli occhi di un bambino.
    Sarà proprio questo piccolo grande uomo che ci aprirà la porta di casa raccontando attraverso i suoi occhi e con le sue emozioni le note vicende che hanno visto coinvolta la madre e di conseguenza tutta la famiglia. Così descrive i suoi genitori: "non sono persone normali. È che hanno una vita molto incasinata, soprattutto la mamma. (…) Mio papà è il padre che tutti sognano. Lui compensa le stranezze della mamma". «Il segreto di un vero cronista è saper entrare dentro la notizia, annusarla, toccarla, respirarla. Solo così si può trasmettere in maniera fedele al lettore ciò che accade veramente». E ne tocca con mano il rischio di farlo nel modo più appassionato e corretto possibile, perché sarà per questo motivo che lui (all'epoca dei fatti ha solo otto anni), assieme ai suoi due fratelli più piccoli, l'acuto e introverso osservatore Alessandro e la romantica Viola, verrà catapultato in un gioco.
    Fino a quando, per una casualità, Lorenzo scopre che quel gioco, inventato da mamma e papà è solo un modo per combattere col sorriso un mostro gigante: la mafia. Capirà, cresciuto un poco, che dovrà trasformare il gioco nel gioco, per preservare il candore dei suoi fratelli, adesso tocca a lui dare il suo contributo alla lotta portata avanti da sua madre. I diritti di questo libro sono stati acquistati dal regista Claudio Bonivento che trasformerà l'incredibile storia di Federica Angeli in un film.
    Due spari nella notte, le finestre che si aprono e subito dopo un grido: «Tutti dentro, lo spettacolo è finito!» Siamo a Ostia, nel 2013, e tra gli abitanti di quei palazzi c'è anche Federica Angeli, cronista di nera per le pagine romane di «la Repubblica», che in quella periferia è nata e cresciuta. Da tempo si occupa dei clan locali e ha subìto gravi minacce. Sa quindi come è fatta la paura, ma crede che l'altra faccia della paura sia il coraggio. Se i vicini rientrano obbedienti al comando del boss, lei decide di denunciare ciò che ha visto. Dal giorno dopo la sua vita è stravolta: per la sua incolumità le è assegnata una scorta, eppure nessuna intimidazione fa vacillare la sua fede in un noi con cui condividere la lotta per la legalità. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA