'Mio padre in una scatola da scarpe'

Giulio Cavalli, legalità contro omertà da Mondragone a Milano

GIULIO CAVALLI, MIO PADRE IN UNA SCATOLA DA SCARPE (RIZZOLI, pp.288, Euro 19)

(ANSA) - MILANO, 13 NOV - "Michele Landa non è un eroe, e neppure un criminale. Tutto ciò che desidera è coltivare il suo orto e godersi la famiglia; vuole guardarsi allo specchio e vederci dentro una persona pulita. Ma a Mondragone serve coraggio anche per vivere tranquilli: chi non cerca guai è costretto a confrontarsi ogni giorno con gli spari e le minacce dei Torre e con l'omertà dei compaesani". Giulio Cavalli queste cose le conosce bene. La promozione della cultura della legalità contro quella mafiosa è il suo pane da attore, autore e da (ex) politico. Tanto da portarlo, dal 2007, a vivere sotto scorta. Una vita dura, con pochi compromessi, che si riflette nel suo ultimo libro: 'Mio padre in una scatola da scarpe - Capita a tutti l'occasione di essere giusti'.

Cavalli sa cosa vuol dire pagare per un'idea. Quella che non si deve cedere mai, perché un passo dopo l'altro dalla comodità di una posizione un po' sonnolente si passa al compromesso irreversibile. Lui, invece, prima a teatro, poi sulle pagine dei suoi due libri ('Nomi, cognomi e infami', Edizioni Ambiente, 2010 e 'L'innocenza di Giulio: Andreotti e la mafia, Chiarelettere, 2012) infine dai banchi del consiglio regionale (con Idv, poi passa a Sel e sostiene Ambrosoli sindaco ma non viene eletto alle regionali del 2013, ndR) ha tenuto il punto.

    Anche quando nell'agosto 2013 il collaboratore di giustizia Luigi Bonaventura ha raccontato il progetto per farlo uccidere organizzato dalla cosca 'ndranghetista De Stefano-Tegano. Da allora la sua vita è irrimediabilmente cambiata, sorretta anche dalla sua compagna, Miriana Trevisan. 'Mio padre in una scatola di scarpe' non è solo un romanzo, è un progetto: "Ispirato alla vera storia della famiglia Landa - racconta l'autore - il romanzo girerà l'Italia in un reading teatrale (...) Se mi avessero chiesto un romanzo civile, ecco, io, avrei scritto questo libro qui". Anche perché non si nasconde che con questo libro Cavalli spera di dare un contributo alla riapertura del caso - il cadavere di Michele Landa, guardia giurata, venne trovato in un'auto bruciata nel settembre del 2006 - ancora senza colpevoli.

    "Quando Angela mi ha raccontato la storia di suo padre, che è poi anche la sua - ha spiegato l'autore - io che la storia l'avevo già ascoltata da un giornalista e un amico, Sergio Nazzaro, mentre l'ascoltavo in diretta, così, al tavolo come quando ci si siede al tavolo con gli assicuratori, ho avuto la sensazione che colasse. Non c'era niente di più da estrarre o da spulciare, sarebbe bastato un contenitore. Ecco, forse questo libro è la pinta di quella storia. Che vi giuro aveva già tutti i sapori".

    Giulio Cavalli racconta un'Italia dimenticata e indifesa, in un Sud con l'acqua alla gola, quando non senza del tutto, che forse non assomiglia alla città dell'Expo, ma alla Milano delle intimidazioni agli imprenditori in provincia, al racket degli alloggi popolari, al business 'calabrese' del movimento terra, ai piccoli negozi incendiati, alle riunioni di affiliazioni nei ristoranti comprati con i soldi riciclati, ai comuni sciolti per mafia, alle operazioni 'Infinito' e 'Insubria'. 'Mio padre in una scatola di scarpe' però non è un libro poliziesco. E' un libro sulla cultura dell'illegalità, sull' abbandono delle tante persone perbene. Il cui primo confronto non è con la paura ma con se stessi. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA