Artusi Remix, la cucina popolare italiana

Donpasta rivisita La scienza in cucina, ricette dal popolo

Prima di Cracco e della sua cucina regionale rivisitata (A qualcuno piace Cracco), prima di tutti i Masterchef che si danno all'editoria per il grande successo tv, prima di Gualtiero Marchesi (La mia nuova grande cucina italiana), c'era immancabile il Talismano della felicità a riempire solitario gli scaffali, ora affollatissimi, nelle cucine italiane. Ma l'antesignano di tutti i libri di ricette, quello che ha fatto scuola e che non si poteva non possedere e non avere letto, e questo per decenni (la prima edizione uscì alla fine dell'Ottocento ma da inizio Novecento divenne popolare fino agli anni '60) è La Scienza in cucina del cavalier Pellegrino Artusi. Non era un libro qualsiasi, piuttosto un viaggio nella cultura popolare culinaria delle nostre regioni.


    Oltre cento anni dopo, Daniele De Michele, che si fa chiamare Donpasta, ed è un inquieto artista crossmediale che unisce alla passione per la musica quella per la gastronomia, ha scritto Artusi Remix. Non è un aggiornamento di quel libro antico, cui hanno dedicato pagine esaltanti autori come Prezzolini e Deledda, perché Casa Artusi che è custode del patrimonio artusiano, centro di verifica e riflessione sulla cucina, non prevede una sorta di patrocinio, pur avendo a Donpasta aperto gli archivi e offerto collaborazione.


    Questo Artusi Remix, ispirandosi alla filosofia di Pellegrino Artusi che raccoglieva in lunghi viaggi nell'Italia le anonime ricette popolari, riaggiorna la cultura gastronomica che in tanti anni è cambiata radicalmente. Daniele De Michele fra parentele, suggerimenti dal web, rende omaggio alla nuova geografia culinaria, frutto delle continue mescolanze tra Nord e Sud, Est e Ovest del mondo, assorbe la cultura della condivisione social delle quale oggi non riusciamo a fare a meno.

Ne è venuto fuori un libro monumentale quanto il vecchio Artusi, ''omaggio spassionato a un uomo che fu uno dei padri della patria'', dice l'autore, ma soprattutto ad una metodologia di lavoro che all'epoca era molto originale - un'enciclopedia con le ricette del popolo - e oggi ci sembra qualcosa di 'nostro'. Sono piatti magari ereditati dalla tradizione, rifatti mille volte e lentamente modificati secondo abitudine, ci sono ricette familiari che ci piace rifare perché ci mettono in rapporto con le nostre origini e i nostri luoghi. In tempi di piatti 'millesimati' dove pesare i grammi e attenersi scrupolosamente agli ingredienti per non sentire nell'orecchio le sgridate di Bruno Barbieri, Carlo Cracco e Joe Bastianich, queste ricette con il risvolto sentimentale scaldano il cuore, fanno venire l'acquolina in bocca e ci fanno pensare alla cucina come luogo del relax e dell'amore familiare. Donpasta infatti non solo rende noti gli autori ma li racconta, lui che è un dj gastronomo affabulatore, e dà conto di centinaia di ricette con una storia vissuta.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA