Frozen 2, il futuro è donna e non si arrende

In sala il film Disney con voci di Rossi, Brignano e Sangiorgi

 Si fa presto a dire "Frozen 2 - Il segreto di Arendelle" e a liquidare il tutto dicendo che, dopo sette anni, arriva in sala dal 27 novembre il sequel del campione di incassi Disney ancora a firma di Chris Buck e Jennifer Lee (ora direttrice creativa della Walt Disney Animation dopo le dimissioni di John Lasseter). In realtà alla conferenza stampa di questo film di animazione si è parlato davvero di tutto, come non accade neppure per i film d'autore: futuro, passato, amore, figli, omosessualità, mondo femminile e rispetto della natura. E tutto nel segno di "il futuro è donna" e del non arrendersi mai. Presenti all'incontro, oltre ai registi, il produttore Peter Del Vecho, l'attrice-cantante Serena Rossi (che dà la voce alla principessa Anna), Enrico Brignano, che presta ancora una volta la voce a Olaf e il cantautore Giuliano Sangiorgi autore de Nell'Ignoto che si sente nei titoli di coda.
    Questa la storia. Sono trascorsi tre anni da Frozen - Il Regno di Ghiaccio e la cittadina di Arendelle sembra aver trovato la pace. Elsa ha ormai imparato a governare i suoi straordinari poteri di ghiaccio, mentre la sorella Anna è felice di aver trovato in Kristoff l'amore. Ora mentre le due sorelle, il pupazzo di neve Olaf, Kristoff e l'alce Sven stanno giocando, Elsa viene distratta da un canto misterioso che proviene dalla foresta. Una voce angelica che non smette di tormentarla per giorni e giorni. Così per capire da dove viene quella voce la principessa di Arendelle, Anna, insieme ad Elsa e i suoi compagni d'avventura decidono di dirigersi a nord, verso un nuovo regno dove domina l'autunno, per scoprire la causa della morte dei suoi genitori e l'origine del suo incredibile potere.
    "Nel primo Frozen - spiega il regista Buck - abbiamo sviluppato i personaggi mentre in questo secondo atto ci siamo divertiti a fare un po' un musical di Broadway. In questo tipo di film - aggiunge poi - è normale inserire il mondo che ci circonda con la giusta attenzione: sappiamo bene del potere di queste opere sui giovani che le vedono ossessivamente più di una volta".
    "Lo spirito di non arrendersi mai e dell'amore che vince su tutto è certo qualcosa che vogliamo si percepisca in questo film", dice invece la Lee che glissa però sulla domanda su cosa si prova ad aver preso il posto del mito Lasseter. Sull'eventualità poi di far declinare questa storia di sorellanza in qualcosa a sfondo omosessuale, spiega Lee : "Abbiamo pensato che Elsa non fosse ancora pronta per questo e così ci siamo concentrati sulla sorella".
    Sul fronte voci italiane, Serena Rossi è felice di aver dato la sua alla principessa Anna: "Ho molto amato raccontare la storia di queste due piccole donne e avuto anche voglia di avere un altro figlio e chiamare mia sorella tutti i giorni. E non nascondo - conclude - che ho pianto tantissimo in sala doppiaggio". "La cosa che più mi ha sconvolto è che non potevo immaginare il lato emozionale di mia figlia Martina - dice Brignano -. Adesso cerca continuamente su Google la voce Olaf e poi sta tutto il giorno a cantare le canzoni del pupazzo di neve".
    Anche per Sangiorgi, è l'orgoglio paterno a prevalere: "Quando crescerà Stellina potrà essere orgogliosa e dire: mio padre lavora per la Disney". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA