Serenity, sull'isola delle verità nascoste

In sala il thriller di Knight con McConaughey e Hathaway

 Un thriller mozzafiato che gira intorno a un triangolo amoroso e a una verità nascosta: è Serenity - L'isola dell'inganno, il film diretto dal regista e sceneggiatore candidato all'Oscar Steven Knight e interpretato dai premi Oscar© Matthew McConaughey e Anne Hathaway, di nuovo insieme dopo il successo di Interstellar.
    È la misteriosa storia del capitano Baker Dill, un uomo che si è lasciato alle spalle il passato trasferendosi in una bellissima isola tropicale e iniziando una nuova vita. La sua tranquilla esistenza viene nuovamente sconvolta quando ricompare l'ex moglie, mai dimenticata, con una terribile richiesta d'aiuto: uccidere il suo violento e sadico marito. Il capitano Dill dovrà fare i conti con attrazioni e segreti sepolti e con una verità tutta da scoprire. Nel cast anche Diane Lane, Jason Clark, Jeremy Strong, David Butler.
    McConaughey ha capito subito di voler fare questo film. "Mi ricordo di aver scritto a Steven 'Per favore non fare cambiamenti. Non cambiare una sola parola'". L'attore è stato attratto dai diversi livelli presenti nella storia.
    Apparentemente è solo il racconto di un uomo ossessionato dalla cattura di un pesce, ma sotto questa semplice storyline si nasconde il dubbio fondamentale di cosa sia la realtà. "Ho dovuto dare una direzione alla mia volontà, mantenere la rotta fino alla fine. Nel film sono il detective che indaga sulla sua stessa vita per capire cosa sia reale", sottolinea.
    Pur non essendo un noir o un thriller tradizionale, Serenity rende certamente omaggio ai classici del cinema e della letteratura di genere, cosa della quale Knight è pienamente consapevole. "Per quanto riguarda i dialoghi, gli ambienti e le atmosfere, ci sono riferimenti voluti a Ernest Hemingway e a Graham Green. Ci sono anche dei riferimenti ad alcuni classici del cinema degli anni '40 e '50", spiega il regista.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA