Elvira con Servillo, dal palco al docufilm

Esce Il teatro al lavoro. Attore poi in film di Igort e Martone

 (ANSA) - ROMA, 11 DIC - Martedì 11 dicembre al cinema Mexico di Milano, il 16 dicembre al cinema Massimo di Torino, il 17 al Cinema del carbone di Mantova poi nel nuovo anno a Napoli, Firenze, Bologna, Roma seguendo le tappe della tournée teatrale. Sono fra le prossime date d'uscita di 'Il teatro al lavoro' documentario di Massimiliano Pacifico dedicato alla 'costruzione' di 'Elvira' di Brigitte Jacques, lo spettacolo, tratto dalle lezioni tenute dal grande attore Louis Jouvet nel 1940, con il quale Toni Servillo (che per il debutto milanese del film non fiction sarà in sala insieme al cast per un incontro con il pubblico) sta riempiendo i teatri nelle ultime stagioni, in Italia e all'estero. Il documentario, distribuito da Kio Films insieme al corto L'unica lezione di Peter Marcias, dedicato ad Abbas Kiarostami, con cui ha debuttato 'abbinato' anche alle Giornate degli Autori dell'ultima Mostra del Cinema di Venezia. Il teatro "nella sua dimensione di officina, nella sua capacità di lavorare sulla coscienza di una persona, dell'attore, invitandolo a considerare il personaggio come un paesaggio misterioso da attraversare, dal quale ritornare rinnovato, cambiato" ha spiegato l'attore al Lido. Fra le lezioni che traiamo da Jouvet c'è "ad esempio la necessità di ritrovare un tensione pedagogica, dove il pedagogo non mantiene la visione di adulto ma celebra nei ragazzi lo stupore dell'infanzia". Oggi"non è facile trovare un dialogo con i ragazzi, più abituati a mezzi di comunicazione superficiali e elementari, ma chi si avvicina al teatro sa che deve affrontare la complessità". Il cinema italiano non si avvicina spesso al racconto del teatro, "però c'è grande curiosità soprattutto dai registi delle ultime generazioni nei confronti degli attori di teatro". Servillo, tornato in scena con Elvira al Piccolo Teatro Grassi, dove sarà fino al 22 dicembre, sarà al cinema nel 2019 con '5 è il numero perfetto', debutto alla regia di un maestro del fumetto, Igort, con Valeria Golino, affresco napoletano dell'Italia degli anni '70. Inoltre lo vedremo protagonista del prossimo film di Mario Martone, Qui rido io, ritratto di Eduardo Scarpetta.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA