Mektoub, My Love: Canto Uno è inno alla vita

Dopo Venezia in sala il film del regista Palma d'oro per La Vita d'Adele

Se voleva raccontare la giovinezza, con tutto il suo rumore, inconcludenza, dispersione, speranze e amori, 'Mektoub, My Love: Canto Uno' di Abdellatif Kechiche ci è riuscito anche se le tre ore di durata del film, già in concorso alla Mostra del cinema di Venezia 2017 e dal 24 maggio in sala con Vision Distribution, sono forse troppe. Incipit con citazione sacra, 'Dio è la luce del mondo' e sprazzi di Mozart (Ave Verum Corpus) e Bach (Cantate), per un film ambientato in un paesino di pescatori nel Sud della Francia nell'agosto del 1994.
    Protagonista Amin (Shan Boumedine), aspirante sceneggiatore e fotografo che vive a Parigi, in vacanza nella sua città natale.
    È l'occasione, per questo timido artista, di ritrovare famiglia e amici. E' il momento di incontrate il 'dionisiaco' cugino Tony (Salim Kechiouche), tombeur des femmes senza remore, e la sua migliore e bellissima amica Ophélie (Ophelie Bau), di cui è chiaramente innamorato.
    "E' un inno alla vita, al corpo, al nutrimento questo film" ha spiegato Kechiche sul senso di questo lavoro diviso in tre parti. E ancora il regista, Palma d'oro a Cannes nel 2013 con 'La vita di Adele': "Mektoub significa destino in arabo. E quest'opera, nel suo insieme, pone il significato del destino perché l'amore si associa al destino, al fato".
    Ma il regista francese di origine tunisina nega che nel film ci sia uno sguardo macho (molti hanno notato in Mektoub l'ossessività delle scene sul lato b): "Non è vero - dice - non c'è niente di macho nel film. Anzi descrivo donne forti, potenti e coraggiose. Al 70 per cento ho mostrato volti e solo alcuni corpi nudi". Per Amin una vacanza vissuta tra il ristorante tunisino dei suoi genitori, i bar e la spiaggia frequentata da tante ragazze in vacanza. Tante figure femminili, molto libere e disinvolte, e il chiacchiericcio continuo di questi ragazzi in preda a una giovinezza da vivere subito e dove sembra tutto possibile. Ma anche di scena il suo animo gentile alle prese con la nascita (da fotografare) di alcuni agnellini nella stalla di Ophelie. "L'ambientazione temporale degli anni Novanta - ha detto il regista - non è legata ad alcun autobiografismo, ma nasce dal fatto che per capire il secolo in arrivo, bisogna entrare negli ultimi anni di quello precedente. Un'epoca quella in cui si viveva in modo più armonioso. Il romanzo (il film è un adattamento dall'opera di Franois Bégaudeau 'La Blessure, la vraie'), è stato solo una fonte di ispirazione. Insomma non ho iniziato da me stesso e non mi sembra affatto di essermi raccontato". Infine, nei lunghissimi dialoghi del film, una naturalezza davvero sorprendente: "Molti - ha detto Kechiche - sono attori che appaiono per la prima volta sullo schermo, altri no, e per ottenere quella scioltezza abbiamo solo lavorato molto tra prove, controprove e dibattiti".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA