Strabioli torna su Rai3 e racconta Vanoni e Nannini

In Arte, due nuove puntate in prime time, l'1 e l'8 dicembre

Torna in prima serata su RaiTre "In arte": il programma, condotto da Pino Strabioli, dedicato alle protagoniste indiscusse della storia musicale, artistica e culturale del nostro Paese. Due nuove serate speciali per raccontare due artiste che hanno saputo sfidare e reinventare i canoni dell'interprete femminile del loro tempo: Ornella Vanoni e Gianna Nannini.
    Il programma poggia su diversi filoni narrativi e supporti video. Innanzitutto l'intervista tra la protagonista e il conduttore della serata: Pino Strabioli. Le due celebri artiste si confidano, raccontano la loro infanzia, la famiglia, gli amori, i dolori, le loro fonti di ispirazione, il senso vero delle loro scelte artistiche. E poi i grandi momenti che hanno scandito le loro incredibili carriere.
    Si parte il 1 dicembre, alle 21.20 su Rai 3 con In Arte Ornella Vanoni. Strabioli nell'intensa intervista in vari punti di Milano con l'artista ripercorre anche un pezzo di storia del nostro Paese. Essere un mito ed averlo annientato chiede, come si fa? "Non prendendosi sul serio risponde Ornella".
    Il secondo filone narrativo e visivo poggia sul ricchissimo repertorio Rai, fatto di contribuiti, canzoni, videoclip.
    E Ancora non mancheranno le interviste ai colleghi di Ornella e non solo, che amano le due protagoniste ma oltre. Una parte è di questo 'viaggio attraverso annedoti e ricordi' è realizzata su un tram, un'altra in uno studio che riproduce la sua abitazione, l'altra Al teatro Piccolo di Milano. Dopo una vita condizionata dalla sua profonda timidezza e dalla paura, Ornella Vanoni, oggi, a 85 anni, non ha più timore di salire sul palco, si sente finalmente libera, si diverte, pur continuando a emozionarsi e a emozionare. Ad accompagnare il telespettatore nel racconto della straordinaria e lunghissima vita artistica di Ornella Vanoni alcuni amici testimoni d'eccezioni: Riccardo Cocciante, Gino Paoli, Paolo Fresu, Dacia Maraini, Mario Lavezzi, Nina Zilli, Arisa. L'intervista si articola attraverso un ricco repertorio Rai, composto dai brani più celebri (Vai Valentina, Musica Musica, Una ragione di più, Senza fine, Domani è un altro giorno e tanti altri) ma ci saranno anche esecuzioni e sketch inediti.
    Partendo dalle canzoni della Mala Ornella Vanoni racconta il suo passaggio alla musica leggera e il suo rapporto con il regista Giorgio Strelher ("uno scandalo all'epoca tremendo") senza il quale forse non avrebbe intrapreso il mestiere di attrice e successivamente quello di cantante.
    Ma anche del momento in cui Vanoni esce dalla canzone classica italiana per aprirsi a nuovi mondi. Un momento chiave è quello del Brasile. La voglia la pazzia l'incoscienza l'allegria, l'album realizzato in collaborazione con il cantautore Vinícius de Moraes e il chitarrista Toquinho, considerato uno dei 100 dischi più belli della storia della musica italiana.
    E ancora, Paolo Fresu, con il quale comincia una serie di fruttuose collaborazioni e dà vita al suo capolavoro: Argilla. Vanoni: "Il mio disco più bello? Argilla. Un disco che io ho voluto perché non volevo che vendesse e infatti non ha venduto".
    L'appuntamento con In Arte Gianna Nannini è previsto invece per domenica 8 dicembre.Un programma di Manuela Mattioli, Federica Mura, Vladimiro Polchi, Pino Strabioli. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA