Mister Rogers e Dolly Parton sfidano era Trump

Eroi popolari gentilezza apolitica, tra film, tv, podcast

(di Alessandra Baldini) (ANSA) - NEW YORK, 25 NOV - Nella settimana di Thanksgiving, quando davanti al tacchino gli americani provano a dimenticare attriti familiari e divergenze di opinioni, due iconici protagonisti dello spettacolo anni Settanta unificano destra e sinistra all'insegna dei valori della gentilezza apolitica.
    Mister Rogers e Dolly Parton sono dappertutto: sulla radio, in tv, al cinema e in rete.
    Non potrebbero essere più diversi. Fred Rogers, un pastore protestante, nei turbolenti anni delle marce anti-Vietnam e per i diritti civili, creo' la serie tv per bambini 'Mister Rogers' Neighborhood', di cui era protagonista con cordiale gentilezza ma anche franchezza nell'affrontare temi delicati per l'infanzia come la rivalità tra fratelli, il bullismo a scuola, la morte di persone care, il divorzio dei genitori. Protagonista del film "Un amico straordinario" con Tom Hanks, Rogers e' morto nel 2003, mentre l'esuberante Dolly Parton, 73enne platinata e ritoccata regina del country, e' viva e vegeta con "Dolly Parton's Heartstrings", una nuova serie su Netflix sviluppata attorno ad alcune delle sue canzoni piu' famose, ad esempio "Jonelle".
    "Sono una nuova specie di eroe popolare americano che incarna inclusivita' e consenso superando le barricate di cultura, classe e politica", ha commentato il "Wall Street Journal". Al film su Rogers e alla serie sulla Parton, si aggiungono speciali tv e le podcast: i dieci episodi di "Finding Fred" esplorano la filosofia della gentilezza di Rogers e la sua rilevanza in un mondo in cui prevale la rabbia e lo scontro, mentre "Dolly Parton's America" sulla radio di New York WNYC esamina la carriera della cantante di "9 to 5" (nel film omonimo recito' con Jane Fonda), il suo disagio a farsi definire femminista e le ragioni per cui persone altrimenti agli antipodi la adorano e accorrono ai suoi concerti.
    Icone dell'era pre-Internet, sia Fred che Dolly sono sempre stati attenti a mantenere private le loro opinioni politiche, entrambi tuttavia proiettano empatia come antidoto alla mentalità della folla infuriata che sembra prevalere nell'era Trump. Per Rogers, a suo tempo oggetto di satira per la lentezza della trasmissione e il maglione con la cerniera che indossa entrando sul set (uno e' allo Smithsonian), l'interesse e' rinato l'anno scorso in occasione del cinquantesimo anniversario della trasmissione. La Parton invece e' una storia in divenire, aiutata anche dalla figlioccia Miley Cyrus che ha ispirato una nuova generazione di fan. Dolly ha cantato un duetto con Kesha sul suo album del 2017 'Rainbow' e ai Grammy 2019, quando e' stata premiata come persona dell'anno per la filantropia, si e' messa al microfono con una antologia dei suoi successi assistita dal 'gotha' delle eredi Millennials: da Katy Perry a Maren Morris e Kacey Musgraves. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA