Carra', torno su RaiTre e riparto da Renato Zero e Goggi

A raccontare Comincia tu, dal 24 ottobre quattro prime serate

Il Casco biondo più famoso della tv, Raffaella Carrà torna su Rai3 dal 24 ottobre alle 21.20 con la seconda stagione di A Raccontare comincia tu, il ciclo di interviste che ha riportato sul piccolo schermo una delle icone del piccolo schermo. Il programma, di quattro puntate, prodotto da Rai3 in collaborazione con Ballandi Arts torna in televisione dopo la prima serie, vedra' come super ospite protagonista un caro amico di Raffaella e icona della musica leggera italiana: Renato Zero. Li vedremo confidarsi nel camerino dell'artista o a passeggio su un tram per le vie della capitale. "Un incontro molto intimo, ho fatto fatico proprio perchè siamo amici". Una vita quella di Zero vissuta senza ipocrisia, dietro quella sua “maschera” dall’anima un po’ folle, un grande artista che ancora oggi continua ad incantare milioni di fan con la sua immensa poesia. Nella seconda puntata Loretta Goggi e Raffaella Carra': Insieme per una lunga chiacchierata sulla loro storia artistico-televisiva due icone, due artiste complete, della tv italiana. La leggenda dice che avevate problemi?. “Non è così, si pensava fossimo Coppi e Bartali. È una donna con un immenso talento, che Rai 1 se ne dovrebbe accorgere. "Come diceva Visconti parlando di Goggi, se fosse nata in America avremmo avuto un'altra Liza Minelli" . Nella terza puntata, Carra' incontrera' il critico d'arte, scrittore e opinionista Vittorio Sgarbi nella sua casa museo. Nella quarta l'incontro con Luciana Littizzetto.

Ogni puntata non è un’intervista, è un incontro, che dura anche due ore di seguito. Una volta finita la registrazione, viene montata.
Senza mezzi termini nell'affolatissima conferenza stampa a Viale Mazzini dopo un ingresso trionfale al braccio del direttore di rete Stefano Coletta ("Ci siamo appena sposati" affermano in coro) la conduttrice sentenzia che a 76 anni non ha più nulla da dimostrare, anche se l'ansia non l'ha mai abbandonata, è libera di centelliniare le sue apparizioni senza il rischio di annoiare il pubblico, "per questo negli anni mi sono presa lunghi perido di pausa". Carrà ha anche rivelato che per la prima edizione le era stata proposta l'ospitata del Premier Giuseppe Conte, poi saltata. Quindi ha svelato di aver ricevuto il no "garbato" di Roberto Benigni "mi ha telefonato personalmente per declinare l'invito, è stato l'unico no che ho ricevuto" e ha fatto intendere di non volersi impegnare in nuovi progetti televisivi ad ampio margine temporale, non escludendo, però, la terza stagione di A raccontare comincia tu. Ma non è tutto parlando della sua carriera (passando da Fantastico a Carramba) ha rivelato: "Sanremo? Non lo volevo fare, mi hanno obbligata. Alla fine ho ceduto e devo dire che dal punto di vista musicale non sono mai stati venduti tanti album come nel Sanremo del 2001. Nessuno me lo riconosce, ve lo dico io".
Quindi Raffaella sostiene di essere ancora legata alla televisione generalista. Rispondendo però ai cronisti si lascia sfuggire: "La tv dal vivo per me è meravigliosa. Guardo un po' tutti, non tutto mi piace. Mi fa soffrire quando un programma potrebbe essere fatto meglio per un pizzico di scelte diverse".
Un esempio specifico?"La vita in diretta - osserva- obbligati a fare sempre storie complicate, io l'avrei alleggerita un po'.
Non trovo sia colpa dei conduttori, nemmeno degli autori, direi della rete".


   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA