Arriva Liar, una notte due verità

Su Nove miniserie evento dal 18/1, che anticipa caso Ansari

  - Un uomo, stimatissimo chirurgo, una donna insegnate in un liceo, una cena e poi una notte passata insieme. Entrambi rispettati nella comunità dove vivono. Al risveglio due ricordi opposti e l'incubo ha inizio: due verità. Oltre 9 milioni di telespettatori in Inghilterra su ITV per la puntata finale di Liar - L'amore bugiardo, thriller psicologico che esplora gli abissi della menzogna, la firma dei fratelli Harry e Jack Williams (creatori di The Missing) per la produzione e la scrittura. La miniserie arriva sul Nove di Discovery Italia in 3 serate evento in prima tv assoluta: giovedì 18 e 25 gennaio e 1 febbraio alle 21:25.
    Liar parte dalla cronaca di una notte che cambierà per sempre le vite di Laura (Joanne Froggatt, Downton Abbey) e Andrew (Ioan Gruffudd, Titanic, Fantastici 4, King Arthur), mettendoli una contro l'altro in un violento conflitto.
  
  Migliore serie drama degli ultimi anni del network ITV, dove è stata trasmessa nell'autunno scorso in pieno "Weinstein-gate" registrando una media del 33% di share Liar propone una storia che per certi aspetti ricorda anche il recente caso che vede protagonista l'attore statunitense Aziz Ansari, famoso per i suoi ruoli nelle serie tv Master of None, accusato di comportamenti sessuali inappropriati da una donna di 23 anni con cui era uscito una volta lo scorso settembre a New York. Dopo aver visto, sul red carpet dei Golden Globes, Ansari con la spilletta di "Time's Up", una fotografa 23enne protetta dallo pseudonimo di "Grace", ha descritto sul femminista Babe una serata passata a casa del comico che le aveva lasciato l'amaro in bocca. Il giorno successivo Ansari e Grace si erano scambiati pochi messaggi. Lei gli aveva spiegato come si sentiva dopo il loro appuntamento e lui si era scusato dicendo che aveva "frainteso" la situazione della sera prima.

    Thriller psicologico intenso, tremendamente attuale, Liar - L'amore bugiardo esamina la cronaca dei fatti attraverso prospettive alternate, passando dal punto di vista di Laura a quello di Andrew, in un complicato intreccio dove, tra pregiudizi e bugie, è difficile scegliere dalla parte di chi stare e dove anche lo spettatore, come ogni personaggio della serie, non sa con chi schierarsi fino all'ultimo. I creatori della miniserie Harry e Jack Williams spiegano così la nascita di Liar:

   "Scrivere questa storia essendo due uomini ci ha portati ad essere molto accurati e a studiare ogni aspetto nei minimi particolari. Inoltre, la storia doveva avere anche momenti di profonda intimità, trattando di sentimenti e sensazioni che hanno sede nei luoghi più reconditi dell'animo umano". E quindi "abbiamo due personaggi che hanno prospettive diverse sulle cose". Infine "ci siamo resi conto che sarebbe stato interessante inserire il tema delle bugie dette per proteggere qualcuno, bugie "a buon fine". "La gente è complicata e i buoni personaggi sono complicati".
     Laura Nielson è una brillante insegnante d'inglese nel liceo della sua città appena uscita da una relazione. Quando Andrew Earlham, padre di uno dei suoi studenti, chirurgo rimasto da poco vedovo, la invita ad uscire, l'attrazione tra i due appare evidente. Sembrerebbe una serata perfetta, eppure Laura e Andrew non immaginano quanto questo incontro cambierà le loro vite e le conseguenze che avrà sulle rispettive famiglie. L'appuntamento si risolve in un intricato caso poliziesco per stupro, esaminato anche attraverso le reazioni dell'opinione pubblica. Sulla cronaca dei fatti si innesta infatti lo sviluppo di come questi vengano percepiti, oltre che dai protagonisti che li hanno vissuti, anche dal cerchio di amici e conoscenti dei due e dalla comunità tutta. Cosa è successo davvero? Perché Andrew, per tutti una persona specchiata e perbene, ha della serata trascorsa con Laura un bel ricordo, mentre Laura si risveglia sotto shock, convinta di aver subito violenza? Perché di questa violenza manca ogni evidenza? Perché la reputazione di Andrew è già minata da accuse diffuse all'indomani attraverso i social network? Cosa nasconde il passato di entrambi? È quello che i detective dell'unità anti-violenza dovranno scoprire, facendosi strada in un contesto in cui si rischia di prendere per verità assoluta un sospetto. Si possono fraintendere alcuni comportamenti, si può sottovalutare l'influenza che certe posizioni di potere possono esercitare?

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA