Stagione Regio Torino apre con Wagner

Regia di Claus Guth strizza l'occhio al cinema. Sul podio Noseda

(ANSA) - TORINO, 10 OTT - Strizza l'occhio al cinema e gioca sull'ambiguità di Tristano e Isotta, trattati dal regista come fossero lo stesso Wagner e la sua amante Mathilde Wesendonck, l'opera che inaugura stasera la stagione del Teatro Regio di Torino, regia di Claus Guth. Sul podio Gianandrea Noseda.
    "Dirigere Wagner è una sfida, una fatica che però viene ripagata dalla bellezza - dice Noseda - e credo che questo valga anche per il pubblico".
    In prima fila la sindaca di Torino, Chiara Appendino, accompagnata dal sovrintendente Walter Vergnano, da Gian Maria Gros Pietro presidente di Intesa San Paolo, sostenitore della prima teatrale che vede offrire due buffet a tutti gli spettatori, e da Giuseppe Lavazza, vicepresidente della Lavazza che ha fatto dono al Teatro di un nuovo girevole. Macchinario messo in risalto fin dalla prima scena, ambientata nella camera di Isotta con il grande letto sistemato sul girevole. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA