Lucia Lavia, mai sognato altro che palco

Figlia di Lavia e Guerritore, da 24/2 sarà Madame Bovary

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - ''Sono nata in teatro. Ho passato tutta la mia vita lì, guardando gli spettacoli dei miei genitori. Sempre dietro le quinte, seduta su una seggiolina ad ascoltare le battute mille volte. E mi è sempre sembrata la cosa più bella del mondo. Non ho mai desiderato altro''. Parola di Lucia Lavia, 24 anni, figlia d'arte di due star del palcoscenico come Gabriele Lavia e Monica Guerritore, che dopo la Desdemona per Nanni Garella, Areusa nella Celestina di Luca Ronconi, la Figliastra dei Sei personaggi per suo padre e la Ifigenia in Aulide di Federico Tiezzi al Teatro greco di Siracusa, sarà ora Madame Bovary, dal 24 febbraio al 6 marzo in prima nazionale al Piccolo Eliseo di Roma (in tournèe dalla prossima stagione), nello spettacolo che Andrea Baracco dirige dal romanzo-scandalo di Gustave Flaubert. ''Un ruolo 'delicato' - dice la Lavia - E' una donna fatta di picchi, umorale, con una tensione continua verso il romantico e l'impossibile. Devi mettere in campo tutto il tuo ventaglio di possibilità''.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA