'Arialda' di Testori per Stabile Torino

19-31 gennaio a Fonderie Limone. Regia Valter Malosti

(ANSA) - TORINO, 14 GEN - Il Teatro Stabile di Torino mette in scena 'L'Arialda', testo teatrale di Giovanni Testori, autore più volte censurato al pari dell'amico Pierpaolo Pasolini per la crudezza dei contenuti. Con la regia di Valter Malosti, interpretato da giovani talenti diplomati alla scuola per attori del Teatro Stabile torinese diretta proprio da Malosti, il 19 gennaio debutta alle Fonderie Limone di Moncalieri, in prima nazionale, e ci resterà fino al 31 gennaio. 'L'Arialda', scritto nel 1960, è il terzo volume del ciclo de 'I segreti di Milano' di Testori, un grande e ruvido affresco in cui l'autore seppe raccontare, con straordinaria incisività e poesia, l'anima della periferia milanese negli anni del boom economico, a cavallo fra gli anni Cinquanta e Sessanta. Geniale sperimentatore della letteratura italiana, Testori ha raccontato, con poesia e allo stesso tempo grande realismo, le vertiginose cadute e resurrezioni dei suoi personaggi, spesso ai margini della società 'per bene'.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA