Pagnotta, nel jazz dopo gli americani, noi i più bravi

Direttore festival, a Umbria Jazz Winter (Orvieto) Scofield, Rea

   "Indubbiamente nel jazz di oggi dopo gli americani ci siamo noi, la scena italiana è molto cresciuta negli ultimi 20 anni, basta vedere le richieste che hanno i jazzisti italiani all'estero. Una volta andavano Enrico Rava e Giovanni Tommaso, oggi girano in tutto il mondo anche tanti giovani". Lo dice all'ANSA Carlo Pagnotta, direttore artistico di Umbria Jazz, che ha presentato il programma di Umbria Jazz Winter, ramo 'invernale, a Orvieto (27/a edizione dal 28 dicembre al 1 gennaio), della grande kermesse dedicata al jazz, che oltre al festival principale estivo (Perugia, 10 - 19 luglio), ha anche un capitolo 'Spring' a Terni. A Orvieto, in cinque giorni ci saranno 90 eventi con più di 150 musicisti. Fra i più attesi il grande chitarrista e compositore John Scofield, che sarà parte anche di The Magic And The Mystery Of The Beatles insieme a Jay Anderson e Lewis Nash; Danilo Rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino con "Le Canzoni Di Mina"; Paolo Fresu con quattro progetti ;Sullivan Fortner, anche in Trio con Jay Anderson Lewis Nash e come Special Guest la tap dancer Michela Marino Lerman; Francesco Diodati con 3 progetti; "Love In Translation" con Rosario Giuliani, Joe Locke, Dario Deidda, Roberto Gatto; Antonello Salis e Simone Zanchini; Dino Rubino; Giovanni Guidi; l'Isaiah Thompson Trio; la "Gospel Explosion" con l'Every Praise & Virginia Union Gospel Choir Feat. J. David Bratton, protagonisti della Messa di Capodanno al Duomo. "A Orvieto in inverno c'è il vantaggio che puoi mettere insieme artisti impegni invece in estate nei tour con i propri gruppi - dice Pagnotta -. Pensare che quando abbiamo lanciato Umbria Jazz Winter ci dicevano che eravamo matti a fare un festival come questo in inverno. Invece il pubblico ci ha ripagato e anche quest'anno le prevendite stanno andando benissimo. le location sono bomboniere e vogliamo mantenere la formula di festival puramente jazz". E presto "annunceremo anche progetti all'estero". Orvieto "è fortemente connessa a Umbria Jazz - spiega la sindaca Roberta Tardani - Ogni anno il festival ci regala emozioni nuove. Nel futuro vogliamo consolidare questo rapporto con un protocollo che dia anche certezze di natura economica e organizzativa". Intanto vanno avanti i preparativi per Umbria Jazz a Perugia: "Sta venendo bene. Per il concerto d'apertura di Lenny Kravitz il 10 luglio siamo già a 5000 biglietti venduti in prevendita - aggiunge Pagnotta -. Avremo fra gli altri, anche eventi in esclusiva italiana come Wynton Marsalis che dirige la Jazz at Lincoln Center Orchestra e la Moodswing Reunion, con Joshua Redman, Brad Mehldau. Christian McBride e Brian Blade. Ci sarà una serata brasiliana e penso andremo a chiudere con una grande serata Cuba Cuba Cuba". 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA