No Borders Music, record di pubblico in alta quota

Note tra boschi e laghi in Friuli con Capossela e Levante

TRIESTE - Record assoluto per gli organizzatori: ai Laghi di Fusine (Tarvisio, Udine) il XXIV 'No Borders Music Festival' ha registrato 12mila presenze nei 4 concerti con star nazionali e internazionali, svoltisi nell'arco della giornata secondo lo spirito di una "rassegna senza confini in mezzo alla natura in alta quota". I Laghi di Fusine sono stati scelti perché al confine tra Italia, Austria e Slovenia.
    Il festival è cominciato alle 8:30 con "Lake Sound", Concerto del Risveglio su una zattera al centro del Lago Superiore e il pubblico seduto attorno (Trilok Gurtu percussioni, Roy Paci tromba, Jacques Morelenbaum violoncello e Carlo Cantini violino, per la prima volta insieme). Alle 12 è cominciato "Al Pascolo.
    Concerto per bestie e uomini", atto unico di Vinicio Capossela, opera che si è aggiudicata la Targa Tenco 2019 per il "Migliore Disco dell'Anno". A seguire è stata la volta di Levante, star del nuovo pop italiano che ha eseguito, tra l'altro, Lo Stretto Necessario, il brano realizzato con Carmen Consoli.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA