In Israele torna magia melodie andaluse

La musica al servizio della fratellanza

(ANSA) - S. GIOVANNI D'ACRI (AKKO), 16 GIU - La magia delle melodie andaluse è tornata a diffondersi fra le mura di San Giovanni d'Acri (Akko), una città che per secoli ha rappresentato un importante crocevia di culture mediterranee e che in questi giorni ha ospitato la seconda edizione del festival internazionale 'Arabesque'. Vi hanno preso parte artisti e orchestre ritenuti in prima linea nelle esecuzioni di musica classica araba e di quella andalusa: ebrei ed arabi, israeliani e palestinesi. Salutando il pubblico stipato in un cortile a cielo aperto fra le Sale dei Cavalieri Crociati, a pochi passi dalla maestosa moschea al-Jazzar, il sindaco Shimon Lankri ha ribadito che l'obiettivo di manifestazioni come quella "è di rafforzare la solidarietà fra le persone e fra le diverse religioni".
    Il festival, spiega il direttore artistico Tom Cohen, punta a far comprendere che, al di là del conflitto politico, una parte significativa di Israele condivide col mondo arabo "la stessa cultura, lo stesso cibo, la stessa musica".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA