Benji & Fede, con 0+ novità e duetti

Dopo successo di 20:05, esce secondo album del duo modenese

L'ultimo anno l'hanno vissuto tutto d'un fiato (parafrasando il titolo del loro primo singolo ufficiale, Tutta d'un fiato, uscito a giugno 2015), macinando successi e record. Ma Benji & Fede, i due ventenni modenesi considerati il fenomeno musicale del momento, mostrano la tranquillità degli artisti navigati, nonostante in bacheca figurino già un disco di platino con il loro album d'esordio 20:05, lo sbarco sul mercato spagnolo, un libro autobiografico (Vietato smettere di sognare) da oltre 80 mila copie vendute e cinque ristampe, il passaggio all'ultimo festival di Sanremo in duetto con Alessio Bernabei, il record frantumato di streaming per un singolo in italiano in un solo giorno con Amore Wi-fi che ha anticipato 0+ (si legge zero positivo), il nuovo album che esce domani per Warner Music.

"Il disco rappresenta il viaggio di questi 12 mesi, la nostra piccola crescita e la volontà di provare cose nuove", spiegano i due. Per questo, sono andati anche all'estero, per riuscire a mettere insieme "l'aspetto tradizionale di chitarra e voce con l'elettronica, perché è questo che ascoltano i giovani di oggi".

E quello che ascoltano anche loro, con Ed Sheeran e i Twenty One Pilots su tutti. Il risultato raggiunto è una sonorità "più internazionale", perché non nascondono il desiderio, magari più in là, di andare alla conquista di fan anche oltre confine. Le carte in regola le hanno, considerando anche che Benji, cresciuto in Australia, si destreggia perfettamente con l'inglese. E due brani, rivelano, in inglese sono già pronti: uno, dal titolo Irrestibile, è in esclusiva per lo streaming su TIM Music, l'altro "si vedrà".

Nel disco, che racconta parte della loro vita, dei loro incontri e delle loro avventure e al quale hanno voluto partecipare seguendo tutto il processo produttivo dall'inizio alla fine, fanno capolino anche alcuni featuring di lusso. "Non abbiamo cercato le collaborazioni per il nome, ma per il 'di più' che potevano dare", spiegano i due modenesi che hanno chiamato con loro Annalisa, Max Pezzali e la giovane Jasmine Thompson. "E' stato incredibile avere Max, siamo cresciuti con le sue canzoni, ma la cosa fantastica è che ha cantato con noi ma parlando alla sua generazione. Ad Annalisa invece dobbiamo dire grazie perché ci ha aiutato a trovare la quadra del testo, poi ci siamo accorti che la sua voce funzionava molto bene.

E con Jasmine, che ha 16 anni, avevamo già collaborato". Il titolo dell'album, Benji & Fede lo spiegano così: "Anche se non lo siamo di sangue, ci siamo sempre sentiti fratelli di vita per il legame che ci ha unito da quando ci siamo conosciuti. Poi abbiamo scoperto di avere lo stesso gruppo sanguigno, lo 0+, e chiamare così questo nuovo album è come suggellare la nostra fratellanza". Dopo gli instore, che partiranno domani da Modena ("un omaggio alla nostra città"), ci sarà modo di pensare anche a un tour vero e proprio nel 2017, dopo i quattro eventi sold out di quest'anno. "Ce lo immaginiamo con tanti effetti speciali, con il fumo sul palco. Ospiti? Se dobbiamo sognare, vorremo Justin Bieber". Sanremo, invece, dopo l'esperienza dello scorso febbraio, può attendere. "E' stato bellissimo andare come ospiti, quando l'anno prima eravamo stati scartati dai giovani.

Andare in gara? Abbiamo la testa sul disco e non c'è proprio tempo per partecipare, non lo escludiamo per il futuro, ma se e quando sarà lo vogliamo fare con la giusta maturità e con una canzone all'altezza del Festival". 

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA