Morto Gianmaria Testa, il cantautore dei migranti e dei poveri. I funerali il 1 aprile

I funerali di Gianmaria Testa si terranno venerdì 1 aprile nel Duomo di Alba. Ad officiarli Don Ciotti, amico di famiglia

Se ne è andato questa mattina ad Alba, in silenzio, Gianmaria Testa, il 'cantautore ferroviere' di Cuneo, amato, rispettato e ammirato prima in Francia che in Italia. Il cantore degli 'ultimi', come molti lo hanno definito, degli immigrati senza patria, dei bambini maltrattati, dei dimenticati. Marito e padre affettuoso, poeta raffinato, chansonnier capace di arrivare dritto al cuore dello spettatore, "purché - amava dire - possa guardarlo negli occhi", è stato portato via da un tumore al cervello che lui stesso aveva raccontato pubblicamente nel maggio scorso. "In molti si chiedono dove sono finito, perché non faccio più concerti - aveva detto all'amico Michele Serra che ne aveva scritto su 'Repubblica' - su internet corrono voci, si sa come è internet, dicono che sono morto, che ho avuto un ictus, che sono nascosto in una casa di cura.

Sono anche affettuosi, capisco che mi cercano, che vogliono sapere di me. E alla fine mi sono reso conto che è meglio raccontare. Ho un tumore, l'ho scoperto a gennaio. Non è operabile. Ho fatto cinque cicli, il tumore si è ridotto. Ma i medici mi hanno detto che ora devo annullare ogni impegno che non sia curarmi. Avere cura di me". Aveva creduto fino alla fine di farcela. E aveva detto più volte agli amici di non avere paura. "Ho imparato molto di questa malattia - aveva ancora detto - sono andato spesso a suonare negli ospedali. Quando hai un cancro devi conviverci come essere in due, ma si può reagire. E' una malattia che crea panico, che si fatica a nominare, ma è sbagliato. Ho ammirato molto Emma Bonino quando disse 'io non sono la mia malattia'".

Gianmaria Testa aveva 57 anni ed era nato a Cavallermaggiore, nel cuneese, in una famiglia di agricoltori, ma amava la musica da sempre. Ha fatto il ferroviere e poi il capostazione a Cuneo, fino al 2007, quando si rese conto che non riusciva più a conciliare i due mestieri, il cantautore che girava il mondo, e il ferroviere. Vinse due volte il festival di Recanati, e i primi due dischi, 'Mongolfieres' e 'Extra-Muros' li pubblicò in Francia, paese che si innamorò di lui fino ad accoglierlo, più volte, sul palco dell'Olympia, il più famoso teatro di Parigi. Quindi finalmente si accorse di lui anche l'Italia, dove, nel 2000 pubblicò il suo terzo album 'Il valzer di un giorno, cui ne seguirono altri sei. Non molti, ma tutti profondi come 'Da questa parte del mare', dedicato alle migrazioni moderne, e l'ultimo 'Men at work', un live. Piano piano arrivò il successo, fatto comunque di understatement alla piemontese, come se di quel successo si vergognasse.

Non aveva mai smesso di sentirsi un figlio di contadini e un lavoratore che si sporcava le mani. Ma il successo, quello vero, comunque arrivò, condito con 3.000 concerti nel mondo e tante collaborazioni diventate poi profonde amicizie con altri musicisti, scrittori, artisti, come Erri De Luca, Paolo Rossi, Gabriele Mirabassi, Giuseppe Battiston, Michele Serra. Ha anche pubblicato con Gallucci tre libri di racconti e fiabe per grandi e bambini. Al suo fianco ha sempre avuto l'amata moglie e manager Paola Farinetti. Il 19 aprile uscirà per Einaudi 'Da questa parte del mare', un libro fra autobiografia e biografie di altri, composto con le storie di coloro che avevano ispirato il disco omonimo del 2006. Nello stesso giorno Egea Music pubblicherà il vinile di quel lavoro struggente e bellissimo. Il 5 maggio al Teatro Colosseo di Torino, e poi in giro per l'Italia, Paolo Rossi porterà in scena RossinTesta, spettacolo di teatro canzone con musiche inedite di Gianmaria. "Sempre che Rossi se la senta", dicono con tono basso gli amici. Ma i poeti, comunque, si sa non muoiono mai. 

 

 

 

E' stato autore anche di vari libri, anche per i bambini (come Ninna Nanna dei sogni e 20 mila Leghe (in fondo al mare) con Gallucci editore). Il 19 aprile con Einaudi esce il suo volume "Da questa parte del mare" con la prefazione di Erri De Luca.

I funerali, officiati da Don Ciotti, si terranno l'1 aprile in Duomo ad Alba. Sarà poi sepolto nella sua amata Castiglione Falletto.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA