Curreri, ricordo Dalla con la sua musica

Il vincitore di Sanremo, dura parlare di Lucio proprio oggi

(ANSA) - BOLOGNA, 1 MAR - "La morte di Dalla è tuttora un dolore. Faccio fatica a parlarne, soprattutto oggi che è l'anniversario. L'1 marzo per me è un giorno difficilissimo. Nel 2003 ebbi l'ictus sul palco, quattro anni fa la morte di Lucio".
    Gaetano Curreri, frontman degli Stadio freschi vincitori di Sanremo con "Un giorno mi dirai", contattato dall'ANSA per un giudizio sull'assenza di celebrazioni per il grande cantautore bolognese e amico scomparso, risponde a modo suo, senza polemiche: "Il modo migliore per ricordarlo è la sua musica.
    Anche adesso lo ricordiamo, in sala prove, suonando un suo brano".
    Curreri dice che ci saranno comunque molte iniziative non solo a Bologna per commemorare: "La città non perde la memoria.
    Per me resta che le sue canzoni sono il suo ricordo migliore.
    Adesso siamo in sala a provare 'La sera dei miracoli', che a differenza di 'Noi come voi' non è finita nel disco perché non facemmo in tempo a registrarla. Perpetuare le sue musiche e il suo messaggio culturale è il nostro modo per celebrarlo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA