Sanremo, il trionfo de Gli Stadio

Con Un giorno mi dirai, anche premio stampa e miglior musica

   Gli Stadio, con 'Un giorno mi dirai' hanno vinto la 66/a edizione del festival di Sanremo, il secondo targato Carlo Conti che è riuscito nell'impresa non facile di portare a casa una seconda volta di grande successo, schivando polemiche, la concorrenza di Juve-Napoli e lasciando che i nastri arcobaleno, per fortuna, diventassero uno dei simboli di questo festival. E con grande eleganza, ha trovato il modo di salutare Pippo Baudo, "inventore del Festival così come lo facciamo oggi". Al secondo posto Francesca Michielin, con il brano Nessun Grado di Separazione. In terza posizione Giovanni Caccamo e Deborah Iurato con la canzone Via da qui, scritta da Giuliano Sangiorgi. Questo il podio della 66/a edizione del Festival di Sanremo. La serata è cominciata con l'esibizione di Francesco Gabbani, il vincitore del Girone Giovani e il ripescaggio di Irene Fornaciari, scampata all'esclusione. Trionfatore della serata Renato Zero, davvero un mattatore, irresistibile con il suo linguaggio pieno di locuzioni che solo Panariello riesce a capire. Un medley in chiave orchestrale, "Favola Mia", "Più su", "Amico", "Nel giardino che nessuno sa", "Cercami", "Il cielo", "I migliori anni", poi "Il triangolo" e "Mi vendo" prima del nuovo brano "Gli anni miei raccontami". Per la prima volta, dopo quattro serate di travolgenti performance, Virginia Raffaele è stata se stessa, una sfida per chi è abituato a interpretare un personaggio. Ed è arrivata la prima papera leggendo il gobbo. La parte comica è stata affidata a Giorgio Panariello e Leonardo Pieraccioni, gli amici di sempre di Conti: arrivati dalla platea come ospiti a sorpresa, i tre vecchi amici hanno scherzato sulla moda della reunion. Prima una raffica di battute sul super lavoro di Conti in tv: "con te non si può parlare, stai sempre in tv. La tu moglie quando vuole fa l'amore si rivolge a Chi l'ha visto". A proposito delle reunion: "ma avete visto i Pooh? Sono come Dorina Gray: loro restano giovani e invecchia solo Riccardo Fogli". Dopo aver mostrato il manifesto dello spettacolo che i tre facevano nel 1995, hanno proposto una serie di poster dello spettacolo nel caso in cui Conti non potesse partecipare alla reunion: tra questi uno con Matteo Renzi. "E' di Firenze come te, vuole fare tutto lui come te e non sa una parola d'inglese come te". "Ma l'avete interpellato?". "Ma perché lui c'ha interpellato quando ha deciso di fare il Presidente del Consiglio?". Tra le alternative il poster con Chewbecca, "è alto come Garko, ed è amato come Garko". "Ma non si capisce quando parla" ha detto Conti mentre i suoi due amici ridevano, poi l'impiegato del comune di Sanremo fotografato mentre timbrava il cartellino in mutande. Il tutto per annunciare la serata che i tre terranno all'Arena di Verona il cinque settembre. Nel suo ruolo di super etoile, è arrivato Roberto Bolle in chiave rock e pop: prima ha ballato un assolo di "We Will Rock You" dei Queen, poi ha ballato "La notte vola" con Virginia Raffaele. Cristina D'Avena invece all'Ariston è stata spinta da una petizione rimbalzata tra radio e i Social. Tutto il cast fisso sul palco a chiedere le sue canzoni e le sigle: prima "Il valzer del Moscerino", che lei ha cantato allo Zecchino d'Oro, poi "Kiss Me Licia", "La canzone dei Puffi", "Occhi di gatto". In chiusura "La pioggia" di Gigliola Cinquetti, la canzone preferita da Cristina D'Avena, che è un fenomeno pop trasversale che ha contagiato anche il pubblico più insospettabile. Ancora una volta Elio e le Storie Tese hanno trovato il modo di rimanere nella storia del festival: stasera sono arrivati in scena travestiti da Kiss, ultima trasformazione di una lunga serie che li ha visti arrivare all'Ariston con i costumi da Rockets, da musicisti mozartiani, persino da nani. Come da tradizione, la serata finale è una maratona: prima della proclamazione del vincitore cantano tutti i Campioni, poi ne rimangono tre che si riesibiscono giocandosi i tre posti del podio. Ogni esibizione era preceduta da un video messaggio: il colpaccio l'ha fatto Francesca Michielin, che ha avuto come endorser Fiorello che cantò, in gara all'Ariston, "Finalmente tu" proprio il 25 febbraio 1995, il giorno in cui è nata Francesca. "In sala parto c'era Beppe Vessicchio. Ti auguro di arrivare quinto come è successo a me perché arrivare quinto porta fortuna. Poi se ti capita di vincere tenteremo un'altra volta di arrivare quinti". Nel corso della maratona, Gabriel Garko, che ha fatto un passaggio in scena con una farfalla sulla giacca per ricordare il passaggio ieri di Virgina Raffaele-Belen, affronta la lettura di una poesia di Giuseppe Catalano, un detenuto del carcere di Opera, Beppe Fiorello, per promuovere la fiction "Io non mi arrendo, ha in programma di proporre la sua specialità "Amara terra mia", il classico di Domenico Modugno e di citare "Vita spericolata". Il consueto spazio dedicato alla musica internazionale da classifica prevede Willy William che ha in scaletta "Ego", il brano con il tormentone "allez allez allez". Prima della proclamazione del vincitore risate sicure con la rassegna stampa di Rocco Tanica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA