Glenn Frey, il web piange la morte del co-fondatore degli Eagles

Era nato a Detroit ma sognava la California fin da ragazzo

Era nato a Detroit ma sognava la California fin da ragazzo. E' morto a New York Glenn Frey, 67 anni, co-fondatore dei leggendari Eagles. La notizie fa subito il giro del Web e la ricerca diventa trend su Google E sul sito ufficiale della band il saluto. "Era come un fratello per me". Don Henley piange Glenn Frey, il chitarrista, cantante e fondatore degli Eagles morto a 67 anni per una drammatica combinazione di artrite rematoide, polmonite e colite ulcerosa e le conseguenze di un'operazione all'intestino.

Frey era cresciuto in una città dalla tradizione musicale polarizzata tra la grande musica black, la Motown, il rock selvaggio di Stooges e Mc5. Così, alla fine degli anni '60 si trasferì a Los Angeles per entrare in contatto con l'ambiente degli studi di registrazioni. E sarà proprio durante una session per Linda Ronstadt che si formerà il nucleo originale degli Eagles: Don Henley, cantante e batterista, il bassista Randy Meisner e il tastierista Bernie Leadon.

Addio a Gleen Frey IL VIDEO

Nascono gli Eagles con una formula che nel tempo creerà tensioni a non finire: una band senza un vero e proprio leader, dove la responsabilità della voce solista cambia a seconda dei brani così come la firma sotto i brani. Tra cambi di formazione e scioglimenti, gli Eagles passeranno alla storia come uno dei gruppi più litigiosi di sempre. Fin dall'inizio la formula scelta è un raffinato country rock. L'esordio è del 1972, seguito da "Desperado", con alcuni classici, e poi dai titoli che faranno entrare gli Eagles nella storia: "On The Boarder", "One of these Nights" e poi il trionfo, "Hotel California", un album da 30 milioni di copie che, come nella title track, con suoni eleganti e patinati descrive la faccia oscura del sogno californiano.

Eagles - Desperado (Live) - GUARDA DA YOUTUBE

Nel frattempo la line up della band era cambiata: Leadon se n'era andato prima del grande successo, Meisner subito dopo, al loro posto erano subentrati Joe Walsh, Timothy B. Schmidt e Don Felder che insieme a Glenn Frey e Don Henley ha firmato "Hotel California". Le tensioni nel gruppo aumentano, aiutate da uno stile di vita da alta classifica anche per quel che riguarda gli eccessi fino ad esplodere nel 1980 con l'inevitabile scioglimento. Frey si dedica alla musica per il cinema, piazza "The Heat Is On" nella colonna sonora di "Beverly Hills Cop", fa un cameo in "Miami Vice" e un'apparizione in "Jerry Maguire".

ASCOLTA 'HOTEL CALIFORNIA' - DA YOUTUBE

In tutto pubblicherà da solista cinque album ma è difficile fare paragoni con gli Eagles che hanno venduto 150 milioni di dischi e pubblicato un celeberrimo "Best", "Their Greatest Hits 1971-1975" che è il secondo album più venduto della storia dopo "Thriller". Gli Eagles si riformano nel 1994 secondo l'inevitabile meccanismo dei tour celebrativi: nel 2014 hanno suonato a Lucca. Il più commosso nel commentare la sua morte è stato Don Henley, quello che fin dalla fatidica session con Linda Ronstadt, aveva dimostrato una profonda affinità musicale e umana.

"Eravamo come una famiglia e come in tutte le famiglie ci sono stati dei problemi - scrive Henley - Ma il legame che abbiamo stretto 45 anni fa non si è mai interrotto, neanche dopo i 14 anni di pausa degli Eagles. Incrociare il cammino con Glenn Frey nel 1970 ha cambiato la mia vita per sempre. Sarà strano andare avanti in un mondo senza di lui. Ma ogni giorno sarò grato di averlo avuto nella mia vita. Riposa in pace, fratello mio. Hai fatto quello per cui ti eri messo in viaggio. E anche di più".

"E' con il cuore pesante che annunciamo la morte del nostro compagno e fondatore degli Eagles Glenn Frey, a New York City il 18 gennaio 2016", recita il testo dell'annuncio sul sito. "Glenn ha combattuto una coraggiosa battaglia nelle ultime settimane, ma purtroppo non ce l'ha fatta", spiega il sito parlando di complicazioni mediche legate a un'artrite reumatoide e una polmonite. "La famiglia Frey ringrazia tutti quelli che sono stati accanto a Frey, e che hanno sperato e pregato per la sua guarigione".

Sul sito compare poi il testo della canzone "It's Your World Now", scritta da Frey e Jack Tempchin. Per Dan Henley, altro fondatore degli Eagles, il senso del testo è quello di "essere parte di qualcosa di buono, e lasciarsi qualcosa di buono alle spalle". Gli Eagles vennero fondati nel 1971: "Hotel California" il loro successo più gettonato, oltre alle tante hit negli Anni '80 di Frey dopo la separazione del gruppo, da "The Heat is on" a "You Belong to the City". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA