Morto Primo Brown, rapper dei Cor Veleno

Lo sconforto sui social, da 99 Posse a Fabri Fibra ed Emis Killa

E' morto nella notte di Capodanno a 39 anni David Berardi, ovvero Primo Brown, il rapper romano fondatore del gruppo Cor Veleno.

Dall'esordio nel 1993 al raduno Zulu Party al Palladium di Roma ha pubblicato 5 album ufficiali con i Cor Veleno e 2 con Squarta. Nel 2005 i Cor Veleno, che hanno aperto concerti di Jovanotti, Manu Chao e del rapper 50 Cent, sono saliti sul palco dello Splash!-Festival in Germania, come unico gruppo rap italiano, per la prima volta nella storia della manifestazione. Nel 2014 per Primo arriva El micro de Oro, in coppia con Tormento dei Sottotono.

Poi la grave malattia annunciata dallo stesso rapper con un post: "Devo affrontare un viaggio difficile che non so dove porta, e come ritorna indietro, devo solo farlo". "Ciao, frate'" è scritto oggi sulla pagina Facebook del gruppo che aveva fondato con l'altro rapper Grandi Numeri e il produttore Dj Squarta. Immenso lo sconforto sui social e tantissimi i messaggi di addio di tanti altri cantanti e musicisti, dei moltissimi amici e fan.

Tra gli altri, 99 Posse ("La tua musica ci accompagnerà per sempre ma il dolore di non poterti più abbracciare di non poter passare delle folli e meravigliosi giornate con te mi strazia..."), Emis Killa ("Riposa in pace Primo Brown. Non ci si conosceva ma ti rispettavo una cifra. Life is a bitch"), Piotta ("Continuerò a pensarti forte. Continuerò ad ascoltarti forte. Ciao Dà, ti abbraccio&hellip forte!"), Fabri Fibra ("Ciao Primo. Ci rivediamo dall'altra parte. Riposa in pace frate"), Saturnino ("Ciao David "Primo Brown" Berardi. Riposa in Pace"), Jesto ("Così tanti GRAZIE da dirti. Prima del Rap, la Persona. Vero come nessun altro. Per quanto riguarda il Rap: no competizione: Il numero 1. Il Primo. Abbiamo tutti imparato da te").

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA