Milano e London Fashion Week alleate partendo dall'uomo

Dal 10 al 14 gennaio 2020 77 collezioni

Nel giorno in cui in Gran Bretagna si vota, divisi tra Brexit e no Brexit, la moda si è già espressa. La Camera Nazionale della Moda Italiana annuncia una collaborazione con il British Fashion Council (BFC) che porterà a Milano, durante l'edizione di Milano Moda Uomo in programma dal 10 al 14 gennaio 2020, una parte della London Fashion Week, tra i quali Stella McCartney e Alexander McQueen. "E' una preziosa opportunità per realizzare un importante lavoro di congiunzione e unione tra i nostri mondi - commenta il Presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa - Questo progetto darà a CNMI la possibilità di espandere i suoi orizzonti e di rendere Milano Moda Uomo ancora più internazionale".
    Le sfilate apriranno venerdì 10 gennaio con le sfilate di Dsquared2, che celebrerà il 25/o anniversario e di Ermenegildo Zegna. Tornano a sfilare poi sulle passerelle milanesi Gucci, che chiuderà le sfilate martedì 14, Iceberg, Miaoran, MSGM, N.21, Prada e Salvatore Ferragamo. Al debutto troviamo invece Fabio Quaranta che sfilerà supportato da CNMI, il danese Han Kjbenhavn e il cinese Reshake. In cinque giorni saranno presentate 77 collezioni, con 26 sfilate, 46 presentazioni, 5 presentazioni su appuntamento e 22 eventi in calendario. Il London show Rooms occuperà lo Spazio Savona 56 e sarà un 'contenitore di talenti' in cui verranno presentate le collezioni di 10 designer emergenti inglesi e 5 italiani. Verrà esposta anche un'installazione curata da The Mill e prodotta da YouConcept per raccontare i nuovi trend della moda, con un focus sulla diversità, l'energia e il talento dei giovani designer che dopo l'evento sarà aperta al pubblico. Nell'ambito della stessa collaborazione lunedì 13 gennaio sfilerà a Palazzo del Ghiaccio il vincitore del Bfc/Gq Designer Menswear Fund & Newgen, A-Cold-WallL. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA