Libreria a casa Alaia a un anno da morte

Libri d'arte nel cortile sede dell'Associazione eponima a Parigi

A quasi un anno dalla scomparsa dello stilista Azzedine Alaia, avvenuta a Parigi il 18 novembre 2017, l'associazione eponima ha annunciato l'apertura di una libreria di testi d'arte nel cortile di rue de la Verrerie, a Parigi, dove ha sede la stessa associazione e dove lo stilista visse e lavorò. Il designer franco tunisino era conosciuto come conoscitore e collezionista d'arte, non solo aveva un occhio attento molto attento ai dettagli, ma seguiva da appassionato studioso molte discipline legate all'arte: pittura, scultura, design, arredamento, fotografia, apprezzando anche i libri su questi argomenti e sugli artisti, per lui spesso fonte d'ispirazione.

La sede dell'associazione fondata nel 2007 da Alaia assieme al suo socio di una vita, il pittore Christoph Von Weyhe e all'amica di sempre Carla Sozzani, per preservare il suo lavoro, aveva ospitato, dal gennaio a giugno scorso, la mostra monografica "Je suis couturier": 41 mises delle collezioni di haute couture e pret-a-porter realizzate dallo stilista, selezionate da Olivier Saillard. Ora viene inaugurata una libreria nel cortile della casa del couturier, dove immaginò anche la sede del suo museo: il bookshop può essere considerato un'espansione dello spazio in cui Alaia visse e lavorò. L'interno è arredato con oggetti provenienti dalle collezioni di Alaia.

Progettato nel modo più semplice con i mobili dalle prime collezioni dello stilista, la libreria e il tavolo di legno sono di Jean Prouvé. I piani di marmo erano stati trovati da Alaia in un mercato del pesce a cui aveva aggiunto le basi realizzate dall'artista americano Kris Ruhs: Le luci sulle pareti sono parte della collezione di illuminazioni dello stilista, mentre i due lampadari sono di Serge Mouille Editions. Sulla parete c'è un ritratto di Alaia dipinto da Julian Schnabel. La libreria conterrà libri relativi al lavoro di Alaia, alla moda e alla storia della moda, testi sulle mostre di artisti che Alaia ha presentato nella Galleria o semplicemente apprezzato. Libri della moda e della fotografia rari saranno disponibili per i collezionisti.

In occasione dell'apertura della libreria, una selezione speciale di libri degli artisti saranno esposti dallo studio Montespecchio, bookstore di Jan van der Donk, specializzato in libri rari, riviste d'arte, design e architettura d'avanguardia del XX secolo. Alaia ha curato la pubblicazione di molti libri nei campi dell'arte, della moda, della letteratura e della fotografia. Attraverso l'impegno con una varietà di istituzioni culturali, la Fondazione assumerà il patrocinio dei programmi culturali dell'Associazione e continuerà tutte le funzioni pubbliche che l'Associazione ha sostenuto negli ultimi anni. Le mostre delle collezioni di Alaia si terranno sia in rue de la Verrerie, sia a Sidi Bou Sad, la cittadella tunisina amata dallo stilista, nel cui piccolo cimitero ha scelto di essere seppellito. A Parigi ci sarà anche una biblioteca e una libreria di moda e storia culturale per la ricerca e per il finanziamento di borse di studio per i talenti della moda.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA