Sylvia Plath, tormenti di una poetessa

Analisi poetica e politica di Giorgi su un'icona del XX secolo

SYLVIA PLATH, I TORMENTI DI UNA POETESSA - Un'icona dall'animo tormentato, una grande poetessa ancora oggi fonte di ispirazione: si intitola "Sylvia Plath. L'altare scuro del sole" (Edizioni della Sera, pp.200, 17 Euro) il libro nel quale Gaia Ginevra Giorgi affronta la complessa figura della celebre autrice statunitense, nata a Boston nel 1932 e morta suicida a soli 31 anni. Con la prefazione di Roberto Coaloa, il libro offre un ritratto sfaccettato e non convenzionale della Plath: non si tratta infatti di una biografia classica, ma di un saggio che continuamente mescola le prospettive di analisi, passando dagli eventi della vita personale alle angosce, alla malattia mentale e alle frustrazioni della poetessa fino all'analisi delle opere.
    Un intento ambizioso che stimola il lettore, genera domande e fa nascere suggestioni, ma più che altro una necessità chiaramente espressa dall'autrice già nell'introduzione: Giorgi infatti afferma di aver voluto seguire, nell'avvicinarsi alla vita e alla produzione letteraria della Plath, un duplice approccio, "uno poetico e uno politico".
    I due livelli di analisi sono in un certo senso "dovuti", considerata la complessità di una figura come quella della poetessa così piena di sfumature e forse ancora mai compresa del tutto. Ecco allora che il libro nei 3 densi capitoli "procede per fotogrammi, zoom tematici, incursioni e continui ribaltamenti di prospettiva": nell'inquadrare anche storicamente la Plath, l'autrice non può non considerare quanto la poetessa, le cui angosce sono perennemente riflesse in ogni suo scritto, manifestasse "un disagio di genere, un disagio sociale legato al sistema fortemente binario della società americana del secondo dopoguerra, che la voleva corpo femminile, normativo e convenzionalmente sottomesso". Difficile, ed emozionante, anche l'analisi della produzione poetica, in cui Plath evidenzia un talento folgorante e un'ispirazione dolorosa e purissima: come scrive Giorgi, "c'è qualcosa nei suoi componimenti che resta alieno, misterioso e ineffabile, qualcosa che si svincola di continuo dalle gabbie ideologiche, le categorie estetiche e le etichette commerciali". 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA