Elton John, "un'autobiografia scritta per i miei figli"

Popstar, 'basta tournée, starò con loro'

ELTON JOHN, ME (MONDADORI, PP 384, EURO 24) - "Voglio che i miei figli sappiano come era il loro padre". E' stata la paternità a spingere Elton John a pubblicare 'Me', l'autobiografia che i suoi bambini "naturalmente non hanno il permesso di leggere, perlomeno fino a quando avranno 15 o 16 anni". E il veto non desta stupore visto i coloriti resoconti del divo nel libro di memorie, edito in Italia da Mondadori, soprattutto negli anni in cui era affetto da bulimia, shopping compulsivo, oltre a dipendenza da cocaina e alcol. Sir Elton, intervistato a Londra dallo scrittore e comico David Walliams, ha passato in rassegna 72 anni di vita ed oltre cinquanta di carriera fra commozione e risate.

"Un giorno nel 1957 mia madre portò a casa il disco di Elvis Heartbreak Hotel, e per me è stata la fine", ha ricordato. Ma la vera svolta avviene anni più tardi, all'audizione con Ray Williams di Liberty Records: "Gli spiegai che sapevo cantare e comporre musica, ma non scrivere le parole; c'era una pila di buste sul tavolo e me ne diede una con i contatti del paroliere Bernie Taupin. Da lì è cominciato tutto". Un sodalizio di oltre 30 album con hit come Rocket Man, Crocodile Rock e Candle in the Wind. Le parole di Taupin nelle mani di Elton si tramutavano in note. "Scrissi Your Song in poco più di 15 minuti". Era l'inizio di una carriera straordinaria segnata da eccessi e stravaganze. Non sono mancati aneddoti su amici celebri come Rod Stewart, John Lennon o Freddy Mercury. Parlando di quest'ultimo, la popstar ha stentato a trattenere le lacrime. Il leader dei Queen era appassionato d'arte e all'epoca, sir Elton collezionava le opere di Harry Scott, un artista che dipingeva barche e ragazzi nudi.

Anche se devastato dall'aids, Mercury fino alla fine era circondato di medicine e cataloghi perché continuava a fare acquisti all'asta. "Dopo la sua scomparsa, la mattina di Natale mi recapitarono un acquarello di Scott con annesso un suo biglietto che diceva 'ho visto questo dipinto ad un'asta e ho pensato che ti sarebbe piaciuto. Ti voglio bene'. Era veramente commovente", ha detto con la voce spezzata. Un altro momento di svolta fu l'incontro con Ryan White, ragazzino dell'Indiana stigmatizzato dalla sua comunità perché aveva contratto l'aids attraverso una trasfusione di sangue. E che Elton decise di aiutare. "Mentre io mi lamentavo con l'hotel della carta da parati o delle tappezzerie, la famiglia di Ryan aveva perdonato tutti quelli che erano stati orribili con loro, fui assalito dalla vergogna", ha aggiunto il cantante, all'epoca nel tunnel della droga.

"Sei mesi più tardi ero pulito. Quel ragazzino mi aveva fatto capire il livello del mio degrado e quanto fossi arrogante e viziato". Senza Ryan, non avrebbe fondato la Elton John Aids Foundation, una charity che finora ha raccolto 450 milioni di sterline a favore della malattia. Anche l'incontro con il compagno di vita David Furnish è raccontato come uno scherzo del destino. "Ero sobrio da tre anni, ma solo. Un giorno ero a casa mia a Windsor e chiamai un amico che lavorava nello store di Versace in Bond Street, invitandolo da me con i suoi amici gay non per fare sesso, ma semplicemente per passare una piacevole serata insieme. Uno dei 4 amici che portò con lui era David". Sono 26 anni che fanno coppia. "Nell'ultima fase della vita non voglio più viaggiare, ma solo stare con mio marito e i ragazzi", ha concluso la popstar in partenza per l'Australia per il tour d'addio che proseguirà poi negli Usa e in Canada. Il sipario, stando a quanto già annunciato, calerà nel novembre del 2021.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA