>ANSA-FOCUS/Starnone, Confidenza chiude percorso ma non mi fermo

Dialogo a Torino con Missiroli sul nuovo romanzo

(di Amalia Angotti) (ANSA) - TORINO, 05 DIC - "Confidenza è il libro conclusivo di un percorso cominciato con Lacci e proseguito con Scherzetto, ma è anche il libro di uno scrittore anziano che monta tutti i temi di cui si è sempre occupato: la coppia, la famiglia, l'insegnamento, lo scrivere, la politica come bisogno di capire in quale mondo viviamo. Ho cercato di rovesciare in questo libro tutti i temi che mi stanno a cuore". Domenico Starnone parla per la prima volta (è lui stesso a dirlo) del suo nuovo romanzo, Confidenza, da poco pubblicato da Einaudi.
    "Si apre un altro percorso? E' molto ottimista chiedere questo a un uomo di 76 anni, ma sono ottimista e quindi rispondo nel modo più doloroso: sì", dice a Marco Missiroli, autore di Fedeltà, con cui dialoga in un incontro organizzato dal Salone Internazionale del Libro di Torino al Circolo dei Lettori.
    "La mia intenzione era costruire una storia intorno al tema del confidarsi nel senso di affidarsi a un altro, raccontando qualcosa che non abbiamo voglia di raccontare neanche a noi stessi. Il tema pedagogico, pedagogia dell'affetto e pedagogia della paura, attraversa tutto il libro così come il tema etico", spiega Starnone che in Confidenza racconta la relazione tormentata tra Pietro e Teresa, lui professore di liceo e lei sua ex alunna, che si lasciano dopo una notte trascorsa sul letto a raccontarsi un segreto, qualcosa mai detta a nessuno. E proprio quella confidenza resta il filo che continuerà a tenerli uniti tutta la vita anche dopo la separazione, molto più forte di un matrimonio canonico.
    Starnone parla della sua scrittura "non retorica e non altisonante. La prima stesura - racconta - è di getto, velocissima, riscrivo in un secondo momento i punti in cui c'è troppa ricerca di effetti emotivi. Non so mai da che parte andrà il racconto, la struttura si definisce scrivendo. Se sapessi quello che c'è in mezzo mi annoierei".
    E Starnone lettore? "I libri li martorizzo, li segno, anche con la penna se non ho una matita a portata di mano. Quando ero ragazzo li divoravo in modo confuso, poi sono diventati un impegno, servono a capire, a imparare a scrivere. A volte resto su una frase più giorni, mi chiedo come ha fatto. Leggete e chiedetevi come ha fatto, è questa domanda che rende un libro straordinario". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA