Lo Cascio apre Città del Libro a Urbino

VI edizione del festival guarda a Volponi e 'Pianeti irritabili'

(ANSA) - ROMA, 15 MAG - Sarà dedicata ai 'Pianeti irritabili', un tributo a Paolo Volponi, alle sue opere e al suo sguardo sulla città, la sesta edizione del festival 'Urbino e le Città del Libro', che si inaugura il 17 maggio. Ad aprire la manifestazione sarà Luigi Lo Cascio con il suo esordio letterario 'Ogni ricordo un fiore' (Feltrinelli). Fino a domenica 19 maggio la città ospiterà incontri, letture, concerti e mostre con tra gli ospiti principali Neri Marcoré, Pier Paolo Giannubilo, Antonio Moresco, Vanni Santoni e lo scrittore Anthony Cartwright, tra i protagonisti della giornata conclusiva con il suo romanzo, 'Il taglio' (66thand2nd), con cui si addentra nelle ragioni profonde della Brexit, tra la povertà, la rabbia e solitudine delle periferie.
    Le mostre sono dedicate ai lavori di Mara Cerri, alla carriera artistica dell'illustratore Giovanni Mulazzani e c'è anche una collettiva di opere realizzate da illustratori con una BIC 4 colori, sfida lanciata dal curatore Alessandro Baronciani. A Urbino saliranno sul palco anche Alessandro Baronciani, Giovanni Bietti, Adrián Bravi, Deborah Brizzi, Cristiano Cavina, Sara Fabbri, Ciro Fanelli, Angelo Ferracuti, Antonio Ferrara, Maria Antonietta, Matthias Martelli, Elisa Menini, Chiara Natalucci, Marino Neri, Umberto Piersanti e Claudio Sopranzetti. Le illustrazioni del tema della sesta edizione sono a cura, per il secondo anno, dell'artista Guido Scarabottolo. Torna anche 'Urbino Città dei piccoli' con una programmazione speciale dedicata ai lettori dai 3 agli 11 anni.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA