Strega Europeo, vince Fernando Aramburu

Il premio annunciato al Salone del Libro di Torino

TORINO - Fernando Aramburu, con il suo romanzo 'Patria' (Guanda), tradotto da Bruno Arpaia, è il vincitore della quinta edizione del Premio Strega Europeo con 11 voti su 25. Il vincitore è stato annunciato al Salone Internazionale del Libro di Torino.
    Il riconoscimento, del valore di 3.000 euro, è stato consegnato da Beatrice Covassi, capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, madrina della manifestazione.
    Un altro riconoscimento di 1.500 euro euro, offerto dalla FUIS, è stato attribuito al traduttore Bruno Arpaia. Romanzo corale, che vede intrecciarsi le vite e i punti di vista di tanti personaggi, 'Patria' di Aramburu è stato votato da una giuria composta da scrittori vincitori e finalisti del Premio Strega e dai responsabili delle istituzioni che collaborano all'organizzazione del premio. Al centro della storia due amici cresciuti nello stesso paese vicino a San Sebastián, Txato e Joxian, le loro mogli, Bittori e Miren, che sono state care amiche e i loro figli, tutti nati e cresciuti tra gli anni Settanta e Ottanta. Un equilibrio che verrà spezzato dalla violenza: Txato viene ucciso in un attentato dell'Eta e Bittori non riesce più a vivere a San Sebastian e se ne va.
    Nella cinquina: Olivier Guez con 'La scomparsa di Josef Mengele' (Neri Pozza), Lisa McInerney con Peccati gloriosi (Bompiani), AuÐur Ava Ólafsdóttir con Hotel Silence (Einaudi) e Lize Spit con 'Si scioglie' (E/O).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA