Cinema: a Rimini torna 'La Settima Arte-Cinema e Industria'

Dal 3 al 5/4 la 2/a edizione Festival su professioni celluloide

(ANSA) - BOLOGNA, 03 DIC - Torna a Rimini - giunta alla sua seconda edizione - 'La Settima Arte - Cinema e Industria', la Festa del Cinema ideata e realizzata da Confindustria Romagna per raccontare, promuovere ed aprire un confronto sull'industria e le professioni del cinema. La kermesse andrà in scena dal 3 al 5 aprile. Una tre giorni di eventi gratuiti e aperti a tutti che, nell'edizione 2020, assuma un valenza ancora più significativa in occasione delle celebrazioni per i 100 anni dalla nascita di Federico Fellini.
    Durante il festival si alterneranno proiezioni, anteprime, masterclass, dibattiti e mostre che culmineranno il 5 aprile al Teatro Galli con la consegna del Premio Confindustria Romagna "Cinema e Industria" attribuito alle figure che caratterizzano il settore, come produttori, distributori, sceneggiatori, scenografi, costumisti, compositori, direttori della fotografia.
    A scegliere i vincitori una la giuria di esperti presieduta da Pupi Avati.
    Ad accompagnare Confindustria Romagna, il Cinema Fulgor, e l'Università degli Studi di Bologna-Dipartimento Scienze per la Qualità della Vita di Rimini, con il sostegno organizzativo di Romagna Servizi Industriali, la collaborazione del Comune di Rimini e il patrocinio di Anica. "Come imprenditori - osserva il presidente di Confindustria Romagna, Paolo Maggioli - siamo convinti che la cultura rappresenti un motore determinante per la crescita economica del territorio. La seconda edizione sarà al centro di un anno significativo per le celebrazioni di Federico Fellini e Confindustria Romagna, con l'organizzazione della seconda edizione della Festa del Cinema ed il significativo sostegno alla mostra 'Fellini 100 Genio Immortale', vuole continuare a dare il suo contributo".
    La rassegna, aggiunge il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, "trova speciale linfa nel centenario della nascita di Federico Fellini. Un'elegia a chi il cinema lo fa, mette le mani nel fango per tirarne fuori una figura o un simulacro. Poi - conclude - tocca certamente al regista imporre il soffio vitale ma sono protagonisti ugualmente dello stesso spettacolo, quello della creazione".(ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA